Nel weekend ci attenderà un appuntamento elettorale. Non tutti gli italiani saranno coinvolti, solamente quei cittadini dei comuni dove si svolgeranno le elezioni amministrative. Dopo aver visto andare alle urne gli abitanti di 2 comuni del Trentino Alto-Adige e 3 comuni della Valle d’Aosta, toccherà a 1.005 comuni sparsi nelle altre regioni d’Italia. Tra questi, ci saranno 25 capoluoghi, di cui 4 capoluoghi di regione: Catanzaro, Genova, L’Aquila e Palermo. Ci sarà grande attesa per alcune città quali Verona e Padova, nonché Parma e Piacenza. L’elenco completo è disponibile alla consultazione sul sito internet www.tuttitalia.it.

L’apertura dei seggi elettorali sarà soltanto nella giornata di domenica 11 giugno 2017 dalle ore 7.00 alle ore 23.00.

Pubblicità
Pubblicità

Ci si potrà recare alle urne in qualsiasi momento, perché l’apertura sarà con orario continuato. Alla chiusura, poi, ci attenderà lo spoglio dei voti. Il turno di ballottaggio, per quei comuni dove potrebbe essere previsto in caso di mancata elezione al primo turno del sindaco, si tornerà a votare domenica 25 giugno 2017. A questo punto non ci resta che scoprire il sistema di voto.

Elezioni amministrative in Italia, come votare

Innanzitutto bisogna far distinzione tra comuni con più di 15.000 abitanti e comuni con popolazione inferiore a questa soglia. Nel primo caso, abbiamo 3 differenti modi di votare. Ciascun elettore ha la possibilità di esprimere la propria preferenza tracciando un segno solo sul simbolo di una lista ed in questo caso il voto va anche al candidato sindaco appoggiato da essa.

Pubblicità

In alternativa, si può decidere di tracciare un segno solo sul nome del candidato sindaco, senza esprimere una preferenza per una lista. Infine, c’è il voto disgiunto, grazie al quale poter scegliere di tracciare un segno su un candidato sindaco e poi appoggiare una lista differente, andando ad esprimere la preferenza per i candidati consiglieri. A tal proposito, si possono indicare al massimo 2 nomi di sesso differente ed appartenenti allo stesso gruppo.

Diversa è la modalità per quei paesi con popolazione al di sotto dei 15.000 abitanti. In questo caso c’è soltanto il voto congiunto, con candidati e liste collegati tra loro. Prima di lasciarvi, invitandovi a seguirci per ricevere news sulla politica, vi ricordiamo che possono votare i soli maggiorenni. Alle urne bisogna recarsi con la scheda elettorale ed un documento d’identità. I cittadini sprovvisti della prima, hanno modo di poterla richiedere in Comune anche il giorno stesso delle #Elezioni Amministrative.