Parigi, #Francia. Un altro colpo di scena che colpisce la squadra di #Governo: il Ministro della Giustizia François Bayrou si dimette. Bayrou, leader del partito MoDem, alleato determinante per la vittoria di Macron, terrà alle 17,00 una conferenza stampa in cui spiegherà le motivazioni di questo abbandono. La conferenza stampa si terrà presso la sede del MoDem, University Street, nel settimo arrondissement di Parigi. Dopo qualche minuto ecco il secondo abbandono: si tratta di Marielle de Sarnez, ministra degli Affari europei, anche lei membra di MoDem che ha deciso di andare a guidare il gruppo centrista all’Assemblea Nazionale. Molto probabilmente le dimissioni sono collegate all’inchiesta preliminare aperta dalla procura di Parigi contro MoDem: l’accusa è che assistenti parlamentari che operavano in Francia, pur essendo pagati con i fondi del Parlamento Europeo, non si occupavano di questioni europee.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo le dimissioni di Bayrou e Sarnez, non è presente alcun membro di MoDem nel governo Philippe. Secondo gli esperti, questa manovra non dovrebbe avere problemi nell’Assemblea Nazionale. Anche se il partito centrista volesse togliere il sostegno al Governo, Macron avrebbe comunque la maggioranza assoluta dei seggi. Infatti a fronte di una maggioranza fissata a 289 seggi, La République en marche ha 308 deputati e MoDem 42.

I duri attacchi delle opposizioni

Le opposizioni attaccano duramente Macron. "Un quarto della caduta del governo: si tratta di una grave crisi di governo e uno scandalo politico . " Così il vice presidente de Les Republicains (LR), Laurent Wauquiez. “La presidenza inizia con una crisi lampo ministeriale. Inizia il macronismo di governo totalmente amatoriale.

Pubblicità

Ci stiamo spostando verso il bazar! " ha detto Guillaume Larrivé, deputato dei repubblicani (LR). La maggioranza reagisce attraverso le parole di Stéphane Travert: “La loro partenza è un modo per non ostacolare l'azione di governo. Non sarà inquinato da membri che potrebbero essere incriminati. Sono atti coraggiosi”.

A breve l’annuncio dei nuovi ministri

Inoltre nei giorni scorsi si erano dimessi altri due ministri: Sylvie Goulard (MoDem) , ministra della Difesa francese, e Richard Ferrand, (ex socialista) ministro della Coesione territoriale, che è in corsa per la presidenza del gruppo La République en marche nell'Assemblea Nazionale. Nel tardo pomeriggio di oggi il presidente Macron dovrebbe annunciare quattro sostituti che occuperanno il posto nei quattro ministeri attualmente vacanti. Circolano nomi di potenziali ministri: Marc Fesneau, segretario generale dei MoDem, e l'ex parlamentare europeo Jean-Louis Bourlanges, entrambi membri dell’Assemblea Nazionale eletti domenica. #Emmanuel Macron