No al sistema proporzionale e alla interruzione anticipata della legislatura. Napolitano, Prodi, Veltroni e Letta, i principali esponenti del Centrosinistra archiviato da Renzi, sono scesi in campo per invocare un cambio di rotta del segretario PD. L’accordo a quattro con Forza Italia, Movimento5Stelle e Lega che potrebbe portare alla riforma elettorale sul modello tedesco, è considerato all’unisono un punto di non ritorno per il Paese. Particolarmente sferzanti sono state le parole pronunciate da Napolitano sulla possibilità di andare a elezioni anticipate: “In tutte le democrazie si vota a scadenza naturale e questa è una legge fatta da quattro leader per calcolo e convenienza politica”.

Pubblicità
Pubblicità

Renzi ha incassato il colpo ma ha deciso di non replicare per non generare nuove turbolenze che farebbero vacillare equilibri già labili in Parlamento. Piuttosto inquietante invece è il silenzio del Capo dello Stato in carica, #Sergio Mattarella. Dopo il monito formulato sulla necessità di dotare il Paese di una nuova legge elettorale, è calato il silenzio sul Quirinale. A difenderlo ci ha pensato il nuovo portavoce del PD, Matteo Richetti, che ha chiesto ai tanti detrattori maggiori rispetto per il ruolo centrale di Mattarella. #Matteo Renzi #Giorgio Napolitano