Nei giorni in cui infuria la battaglia politica e mediatica innescata dall’approdo al #Senato della legge sullo ius soli, torna di attualità una intervista, riproposta dal sito Dagospia, sull’argomento a Giovanni Sartori, ilustre politologo, recentemente scomparso.

Sartori: "La proposta di Renzi sullo ius soli è stupida"

In quell’occasione Sartori ha espresso tutta la sua contrarietà per l’istituto dello ius soli e ha avuto parole al vetriolo per il progetto sulla materia del Governo Renzi, il quale è oggetto di discussione in questi giorni. Il politologo aveva definito stupida, superficiale e sconcertante l’ipotesi di concedere la #cittadinanza a tutti gli stranieri che fanno cinque anni di scuola.

Pubblicità
Pubblicità

Per essere un cittadino italiano, secondo Sartori, un cittadino straniero deve aver consapevolmente accettato il principio di separazione tra Stato e Chiese e aver rigettato il diritto teocratico o di Allah. Sartori aveva definto irresponsabile la proposta di Renzi sullo ius soli perché lo Stato ha difficoltà a trovare una sistemazione agli immigrati che arrivano dall’Africa. Inoltre, il politologo aveva considerato di estrema gravità l'ipotesi di concedere agli stranieri tutti i diritti, compreso quello di voto, in un momento storico nel quale è aumentato il numero di italiani che partono all’estero per cercare lavoro. In questo modo, aveva detto il politologo, si condanna alla scomparsa la cultura e l'identità italiane.

Giovanni Sartori è stato politologo e sociologo. Era nato a Firenze ed era Professore Emerito alla Columbia University di New York.

Pubblicità

Nel corso della sua carriera ha insegnato nelle più prestigiose Università italiane. In veste di costituzionalista e divulgatore ha inventato le definizione Mattarellum e Porcellum per alcune leggi elettorali del nostro Paese. I suoi libri sono stati tradotti in più di trenta lingue.

Polemiche al Senato sullo ius soli

Il tema dello ius soli è stata la causa di molte polemiche e negli ultimi giorni la tensione è salita per la decisione del Senato di invertire l’ordine del giorno dei lavori dell’Assemblea e anticipare il voto sul disegno di legge sulla cittadinanza agli stranieri rispetto alle operazioni di voto sui presupposti di costituzionalità del decreto legge sulla obbligatorietà dei vaccini. Due temi, i quali costituiscono l’elemento portante del programma di partiti come Lega Nord e Movimento Cinque Stelle, i cui esponenti hanno reagito in materia aggressiva alla decisione dei senatori presa su proposta di esponenti della sinistra italiana, prontamente acolta dal Partito Democratico. #immigrazione