Compagini neofasciste cercano di insediarsi, in Italia, nelle istituzioni nazionali e locali. Lo attesta la recente ammissione della ventenne Fiamma Negrini nel Consiglio comunale di Sermide-Fellonica, in provincia di Mantova. L'elezione della ragazza ha suscitato molte polemiche perché appartiene alla lista 'Fasci del lavoro', lista di estrema destra. Tra i perplessi per tale designazione c'è anche la presidente della Camera, Laura Boldrini, secondo cui la lista 'Fasci del lavoro' richiama il partito fascista con immagini e nomi. Prossimamente, in Parlamento, il ministro dell'Interno Minniti dovrà fornire spiegazioni sulla vicenda, visto che sono già state annunciate interrogazioni parlamentari.

Pubblicità
Pubblicità

La lista 'nostalgica' suscita perplessità

Secondo esponenti del centrosinistra italiano, Fiamma Negrini non doveva assolutamente entrare nel Consiglio comunale di Sermide-Fellonica, poiché fa parte di una lista 'nostalgica'. Segue attentamente l'evolversi della vicenda anche l'Unione delle comunità ebraiche, molto preoccupata per l'avanzare dei 'Fasci del lavoro'. Qualche giorno fa, per evitare le critiche e le offese sui social, il padre di Fiamma Negrini aveva deciso di eliminare la lista. Ciò, però, non è accaduto e Fiamma continua avere come immagine del profilo Facebook la dicitura 'boia chi molla'. Le polemiche sull'elezione della Negrini non accennano a 'spegnersi' nel Mantovano. Fiamma è riuscita ad entrare in Consiglio comunale grazie a una lista ispirata alla Repubblica Sociale di Salò, che nella campagna elettorale ripeteva ad alta voce gli slogan di Benito Mussolini.

Pubblicità

Il successo di CasaPound a Lucca

I neofascisti avanzano in molti Comuni italiani. Ciò è sintomo di un disagio politico e sociale, dell'incapacità della politica attuale di dare risposte chiare e tempestive ai cittadini. A Lucca, nelle recenti elezioni amministrative, #casapound ha fatto incetta di voti ed è riuscito a fare entrare due suoi membri, Lorenzo Del Barga e Fabio Barsanti, in Consiglio comunale. A Lucca CasaPound ha preso più voti del M5S. Il partito di estrema destra ha fatto sapere, mediante un comunicato, di essere molto soddisfatto dei risultati ottenuti alle recenti elezioni amministrative, anche in vista delle prossime elezioni politiche. E' andata bene anche alla lista 'Fasci del lavoro' che, a sorpresa, è riuscita a piazzare nel Consiglio comunale del giovane Comune in provincia di Mantova una sua militante.