Nelle scorse settimane ci eravamo occupati dell'inedito caso del paese di Sava, comune di quasi 17 mila abitanti in provincia di #taranto, nel quale alle elezioni amministrative si presentava fra le altre una coalizione di cui facevano parte sia il #Pd che #Forza Italia. Vediamo adesso, all'indomani del voto dell'11 giugno, com'è sono andate le cose.

Elezioni 2017 a Sava: quali erano gli schieramenti in campo

Precisiamo che Sava è un comune con oltre 15.000 abitanti e quindi, un po' come nelle grandi città, erano previste le coalizioni con più partiti e liste civiche che potevano appoggiare un candidato a sindaco: qualora nessun candidato avesse poi raggiunto il 50% al primo turno si sarebbe ricorsi al ballottaggio.

Pubblicità
Pubblicità

Ma in questo caso non c'è stato bisogno del secondo turno.

A Sava si presentava il Sindaco uscente Dario Iaia, che era appoggiato da sei liste, fra loro Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale e il movimento di Raffaele Fitto "Direzione Italia", oltre appunto a quattro liste civiche.

A contrapporsi a questa coalizione era la candidatura del dott. Mario Pichierri, che si è presentato a sua volta con l'appoggio di sei liste. Entrando nel dettaglio in tale coalizione vi erano tre liste civiche, una composta da Alternativa Popolare di Alfano e dai centristi, una del Partito Democratico e una denominata "Forza Sava", che ricalcava il simbolo di Forza Italia e che proprio da tale partito era animata.

Vi era infine un terzo candidato Pasquale Rubino, appoggiato da tre liste civiche.

I risultati delle elezioni Amministrative 2017 a Sava

I risultati ufficiali delle elezioni al comune di Sava sono arrivati solo nella giornata inoltrata di questo lunedì, anche se già in nottata era piuttosto chiaro l'esito della tenzone elettorale che aveva portato alla vittoria del sindaco uscente: Dario Iaia è infatti stato riconfermato Primo Cittadino ottenendo il 57,3%, mentre Mario Pichierri si è fermato al 37,8%, infine ha ottenuto il 4,9% Pasquale Rubino.

Pubblicità

Un risultato che segna pertanto la sconfitta della "grande coalizione" che metteva insieme appunto PD e Forza Italia e invece la vittoria del sindaco uscente.

Nello specifico la lista del Partito Democratico si è fermata all'11,9% (eleggendo 2 consiglieri comunali) mentre Forza Sava ha di poco superato il 9% (un eletto). I due partiti, sommati, hanno totalizzato quindi poco più della metà dei voti ottenuto dal proprio candidato Pichierri, che pertanto ha avuto anche un buon consenso civico. E' curioso segnalare che entrambi i partiti sono stati battuti in termini di voti, per restare solo sui movimenti nazionali, dal partito di Raffaele Fitto "Direzione Italia" che all'interno della coalizione vincente ha ottenuto il 13,3% ed eletto 3 consiglieri, mentre sempre fra i vincitori è da segnalare il 6,6% di Fratelli d'Italia che dà al partito di Giorgia Meloni un eletto nel Consiglio di Sava. Nessun eletto invece per la lista di Alternativa Popolare e centristi che si fermata al 4,8%.