Neanche il tempo di fare un'analisi delle elezioni amministrative di domenica, che il vertice del #movimento 5 stelle ha constatato che “sono stati puniti dagli elettori i sindaci che hanno accolto i migranti”. Così ha deciso di dettare la nuova linea: stop agli arrivi e chiusura dei campi rom. A #Roma c’è bisogno di maggiore sicurezza, o c’è il rischio di tensioni.

La sindaca della Capitale, #Virginia Raggi, ha scritto al prefetto Paola Basilone per arrestare il flusso di migranti [VIDEO] ancora da collocare. In questo modo la grillina apre la sua lettera su Facebook: “Roma è sottoposta ad una forte pressione migratoria.

Pubblicità
Pubblicità

Così non si può andare avanti”, aggiungendo che “serve una moratoria sui nuovi arrivi in città. È impossibile, oltre che rischioso, pensare di creare altre strutture di accoglienza”. Naturalmente per la sindaca Raggi la situazione è divenuta insostenibile a causa di mafia capitale e dell’emergenza “ereditata dai vecchi partiti” e “aggravata anche dall’inerzia di chi negli anni si sarebbe dovuto occupare dell’assistenza dei migrantima continua dicendo chenon permetterà più a nessuno di mangiare sui più deboli”.

Roma: la sindaca Raggi pronta a chiudere i campi Rom e avviare una politica di inclusione

Il post, quindi, presuppone una netta virata a destra di Virginia Raggi, a neanche due settimane dalla notizia del nuovo piano per l’inclusione dei rom, che prevede sussidi e benefit per la casa popolare.

Pubblicità

La linea dura contro i campi rom è stata poi subito sostenuta da Beppe Grillo sul suo blog, in cui ha annunciato "Ora a Roma si cambia musica". Ma come sarà sviluppato il piano? Si comincerà con la chiusura di due campi rom, La Barbuta e Monachina, mentre negli altri campi si avvieranno dei progetti in collaborazione con i Municipi. Il piano per la chiusura dei campi rom, approvato con una delibera di giunta, prevede l'utilizzo di 3,8 milioni di fondi europei. Si parla di un progetto della durata di 3 anni, che sarà monitorato in ogni sua fase. Per i primi due campi, poi, ci sarà un "accompagnamento all'abitare", ossia un ulteriore strumento per aiutare quelle famiglie che decideranno di abbandonare i campi.

L'annuncio della Raggi ha provocato dure reazioni delle altre forze politiche. Dai Fdi al Pd, passando per i Radicali e la Lega, in molti si sono scagliati contro l'improvviso annuncio del sindaco di Roma. Feroce è stata la critica di Fabrizio Ghera, capogruppo di Fdi/An in Campidoglio, che parla chiaramente di “fallimento ed incapacità”, e dello stesso Renzi che lo definisce un "attacco ai migranti per coprire flop Comunali".