Sebastian Kurz, giovane politico austriaco, il 20 luglio ha incontrato Angelino Alfano a Vienna, contestualmente al Consiglio Permanente dell'OSCE. Ministri degli #Esteri dei rispettivi paesi, i due hanno discusso del tema dei migranti, e Kurz ha espresso opinioni che sono suonate piuttosto aggressive.

Le parole di Sebastian Kurz

Ministro degli Affari Esteri, dei Rapporti con l'Unione Europea e dell'Integrazione (divenuto nel 2013, a soli 27 anni, il più giovane ministro mai eletto in Austria), Kurz sarà forse inesperto, ma non per questo poco determinato o sicuro di sé. Infatti ha utilizzato toni piuttosto duri riguardo al problema dei #migranti.

Pubblicità
Pubblicità

Il politico austriaco ha affermato che andare a soccorrere i migranti sulle loro coste per poi scaricarli in Italia, non fa altro che aumentare costantemente le loro speranze e, di conseguenza, gli arrivi e le morti in mare. Questa procedura, dunque, danneggerebbe sia i paesi europei (in primo luogo l'Italia dato che, ad esempio, Germania e Francia non sembrano avere alcuna intenzione di intervenire attivamente, al di là di alcune dichiarazioni di facciata) sia i migranti che si illuderebbero di poter arrivare nell'Europa centrale o del nord passando per la penisola. Gli unici a guadagnare davvero da questa situazione, secondo Kurz, sarebbero gli scafisti.

Il ministro degli esteri viennese ha chiesto di fermare il traghettamento da #Lampedusa all’Italia continentale, minacciando la chiusura delle frontiere al Brennero se la pressione dei migranti ai confini dovesse diventare ingestibile, e se la collaborazione con le forze dell’ordine italiane non dovesse più risultare soddisfacente.

Pubblicità

Secondo alcuni addetti ai lavori, si tratterebbe di minacce da campagna elettorale, come ha sostenuto al termine dell’incontro anche il ministro Angelino Alfano.

In ogni caso, Sebastian Kurz ha posto ancora una volta l'accento sul problema dell'immigrazione irregolare e illegale e, al di là dei toni, si è sostanzialmente messo in linea col pensiero di Angela Merkel e del presidente francese Emmanuel Macron. Renzi, qualche mese fa, ha lamentato lo stato di abbandono in cui si trova l'Italia nell'affrontare la questione migranti. D'altronde i problemi di natura sociale sono già iniziati da un po' di tempo.

L'intervento del sindaco di Lampedusa

Contro le dichiarazioni del ministro viennese ha tuonato il sindaco di Lampedusa, Salvatore Martello, da poco eletto. Il primo cittadino ha bollato le parole di Kurz come quelle di un nazista, e ha voluto ribadire i meriti dell’isola e gli sforzi dei suoi concittadini nella gestione dell’accoglienza.

Ecco il video di un suo intervento sulle frequenze di La7 di circa un mese fa: