Svolta importante per la Gran Bretagna. Questa notte la Gran Bretagna è riuscita a muovere un altro grande passo verso la Brexit: la camera dei comuni ha approvato il Great Repeal Bill. #theresa may riesce, con uno scarto abbastanza netto, a far passare quella legge che li separerà da Bruxelles e in grado di cancellare l'European Community Acts del 1972. In questo modo il Regno Unito è riuscito a revocare la potestà legislativa dell'UE facendo proprie le norme europee e potendo cosi decidere quali abrogare, tenere o riformare. Si tratta della miriade di norme che regolano la vita e gli affari dei cittadini e di coloro che vivono sull'isola che prima del fatidico 2019 sarebbero comunque dovute essere importate nelle leggi britanniche altrimenti il rischio sarebbe stato quello di lasciare un vuoto importante per molte regolamentazioni.

Pubblicità
Pubblicità

Una piccola vittoria per il partito di maggioranza

Dopo giorni di dibattito, tre per le precisione, ieri notte dopo la mezzanotte, è arrivato l'esito che vede favorevole il si con 326 voti a discapito dei 290 favorevoli al no. Il risultato ha evidenziato come la fragile maggioranza della May questa volta abbia tenuto testa.

Il partito di maggioranza resta comunque ancora diviso nell'interno tra euroscettici, brexiteers ed eurosimpatizzanti. Tutto questo diventa difficile da gestire per la May che vede arrivare sempre più pressione dall'opposizione. L'obiettivo di #corbyn infatti non sarebbe quello di sabotare la #Brexit o il voto popolare ma proprio quello di non rendere facile la vita alla premier.

Il futuro del Regno Unito

Il si di questa notte è servito anche a dare un punto fermo a tutte quelle polemiche e quei malumori ma è servito anche a stabilire un punto di inizio per quello che sarà il futuro del Regno Unito.

Pubblicità

Bisognerà regolamentare tutto, dai diritti dei cittadini UE [VIDEO] presenti sul suolo inglese, al problema sul confine irlandese e il conto che Londra dovrà pagare a Bruxelles. Non meno importante è la situazione in cui versa ora l'isola. I consumi infatti, a causa anche della debolezza attuale della sterlina, potrebbero scendere al livello più basso da almeno quattro anni.

L'opinione circolante nel partito di opposizione rimane ancora a favore del fatto che il Regno Unito debba continuare a rimanere almeno per il periodo di transizione nel mercato unico e che non debba intaccare la libertà di circolazione delle persone.