Almeno per tutto il mese di settembre il provvedimento sullo ius soli non sarà preso in considerazione dall'Assemblea di Palazzo Madama perché non c'è stata una maggioranza, ovvero non si sono raggiunti i voti necessari per l'approvazione del provvedimento. Questo significa che il diritto alla cittadinanza di tutti gli stranieri che nascono sul suolo italiano non sarà riconosciuto.

Per il Pd continua a rimane un obiettivo da raggiungere

Luigi Zanda, presidente dei senatori del #Pd ha detto che per il partito lo ius soli rimane una priorità essenziale, per questo ha proseguito dicendo che nelle prossime settimane il lavoro politico da loro svolto mirerà a risolvere il problema.

Pubblicità
Pubblicità

Il presidente ha insistito che il Pd non solo vuole lo #Ius soli, ma vuole anche approvarlo e per questo, naturalmente, è necessario che ci siano i voti.

Bersani "Ostacolare lo ius soli è una cosa gravissima"

Pier Luigi Bersani ha affermato, in un'intervista a Radio radicale, che ostacolare l'approvazione della legge è un errore drammatico visto che non potrebbe presentarsi tanto presto la possibilità di riportarla in Senato. Bersani ha proseguito dicendo che è necessario cercare voti per approvarlo per fermare un'ingiustizia che è quella di considerare 450 mila persone straniere che lavorano in Italia come dei "fantasmi". Per frenare ricadute negative, secondo l'ex segretario del Pd, il popolo deve mostrare i tratti positivi e buoni della sua civiltà.

Calderoli "Maggioranza impossibile"

Roberto Carderoli, coordinatore delle segreterie nazionali della Lega Nord, ha detto che lo ius soli non raggiungerà mai la maggioranza al Parlamento e ascoltando la promessa del Pd, che consiste nel ripresentare la legge quando ci saranno i voti necessari, ha ribattuto dicendo che a questo punto la questione non sarà più affrontata.

Pubblicità

Inoltre secondo Calderoli la stragrande maggioranza del popolo è contraria all'approvazione della legge.

Boldrini "Ius soli necessario per tanti giovani migranti"

Anche la presidente della Camera Laura #Boldrini ha espresso il proprio giudizio sulla questione e ha detto che lo ius soli è necessario a tanti ragazzi, figli di immigrati, che sono nati in Italia. Secondo lei è giusto farne dei buoni cittadini dal momento che questi ragazzi che vanno a scuola con i figli dei cittadini italiani non conoscono neanche la lingua e la cultura del Paese dei propri genitori.