Febbraio 2018 si sta avvicinando velocemente, e tutti i partiti stanno cercando di prepararsi al meglio per una sfida elettorale che vedrà scontrarsi per la prima volta in Italia tre poli che potranno concorrere seriamente per la leadership a Palazzo Chigi. Nel mese di settembre, infatti, stanno diventando sempre più numerosi i sondaggi [VIDEO]commissionati dai partiti per capire quali alleanze stringere, e su quali tematiche battere di più durante i mesi di campagna elettorale.

Sondaggio Demos, i risultati

In queste ultime ore, "Termometro Politico" ha diffuso nuovi sondaggi Demos, le cui ultime rilevazioni risalivano al mese di giugno.

Pubblicità
Pubblicità

Come ormai confermato da tutti gli istituti sondaggistici, è il Movimento 5 Stelle ad affermarsi come primo partito nelle preferenze degli italiani. Il consenso del movimento capitanato da Beppe Grillo si attesta al 28,1%, con un incremento rispetto all'ultima rilevazione statistica di ben il 2,1%. Sorpassato definitivamente il Partito Democratico che segna un +0,5%, fermandosi però solo al 26,8%, con un Matteo Renzi che deve difendersi dalle possibili ambizioni del Ministro dell'Interno Minniti alla poltrona di Palazzo Chigi.

In flessione la coalizione del centro-destra che, dopo la risoluzione del tema sbarchi operata da Minniti, sembra in leggera difficoltà: la Lega Nord di Matteo Salvini registra una perdita dello 0,2%, passando dal 13,8% al 13,6%, mentre Forza Italia scivola pesantemente, passando dal 14,4% di giugno al 13,2% del mese corrente.

Pubblicità

In controtendenza il partito Fratelli d'Italia, che registra un timido +0,1%, attestandosi al 4,8%. La coalizione di centro-destra rimarrebbe comunque la prima forza politica se si presentasse unita alle elezioni, raggiungendo un non poco invidiabile 31,6%.

Tra i piccoli partiti troviamo Articolo 1 - MDP in flessione dello 0,5%, che si ferma al 3,8%, mentre Sinistra Italiana e Campo Progressista fanno registrare rispettivamente un 2,4% e un 2% che segnano una perdita dello 0,5% e dello 0,3%. Limita le perdite, invece, Alternativa Popolare, che passa dal 2,1% della rilevazione di giugno al 2,0% di settembre.

Le flessioni dei piccoli partiti possono essere interpretate come una spinta degli elettori al voto utile, spostandosi su compagini che hanno concrete possibilità di vincere le elezioni politiche.

Per rimanere aggiornato su altre notizie di politica e sondaggi elettorali puoi cliccare sul tasto "Segui" che trovi in alto a destra, accanto al nome del redattore dell'articolo. #Sondaggi politici #Pd #M5S