Pubblicità
Pubblicità

Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha ritenuto legittimo un bando del Comune di Catanzaro per l'affidamento di una progettazione al costo di un euro, motivando la simbolicità del valore economico con il vantaggio che d'altro canto un tecnico acquisisce dal punto di vista del prestigio per avere collaborato con una pubblica amministrazione [VIDEO]. Ciononostante, i professionisti sono sul piede di guerra, perché ritengono inaccettabile immiserire a tal punto la loro prestazione professionale, al di là delle difficoltà economiche che possono indurre un ente a redigere avvisi pubblici come quello di Catanzaro. Per tale ragione, si sono mossi sia gli ordini professionali sia i sindacati che riuniscono architetti e ingegneri.

Pubblicità

Bandi sull'efficientamento energetico

Con queste premesse, il Comune di Solarino, piccolo centro della provincia di Siracusa [VIDEO], ha redatto due avvisi pubblici relativi a progettazione e direzione lavori per l'efficientamento energetico delle scuole con importo a base d'asta di un euro, scatenando la reazione dell'Inarsind, che parla di scandalo per la nascita di un nuovo caso Catanzaro, rivolgendosi all'Autorità nazionale anti-corruzione. L'Ordine degli architetti di Catania, sull'argomento, ha diffidato i propri iscritti ad accettare lo svolgimento di prestazioni di fatto gratuite facendo riferimento al codice deontologico della categoria. Scorrendo velocemente i risultati di ricerca sulla principale porta di accesso ad internet relativi al caso del Comune di Solarino, si vedrà facilmente come una gran parte dei siti che si occupano di edilizia e progettazione ha adocchiato quanto accaduto, muovendo numerosi rilievi critici contro il Comune di Solarino.

Pubblicità

Ritirare gli avvisi pubblici?

Sullo sfondo, le ragioni che hanno di fatto condotto l'Amministrazione guidata da Sebastiano Scorpo a tentare la strada della progettazione gratuita, ovvero la grave crisi economica che caratterizza l'ente locale, che specifica nella relazione di accompagnamento al bando l'utilità che i tecnici acquisirebbero con l'adesione per il ritorno di immagine. Una considerazione che ci lascia molte perplessità e che, pur comprendendo le difficoltà finanziarie del Comune di Solarino, non esclude la ragionevolezza di un ritiro dei due bandi, come in molti chiedono. Un argomento che in ogni caso merita un ampio confronto pubblico per il polverone che ha alzato. #architettura #Politica Sicilia #Pubblica Amministrazione