Dopo le fortunate edizioni passate sbarca a Roma: il 24, 25, 26, 30 aprile ed ancora l'1, 2, 3 maggio, il festival dell'oriente 2015. Un programma ricco di eventi: per coloro che vogliono immergersi nella sconfina cultura asiatica. Per la kermesse verranno allestiti: stand commerciali, bazar, cerimonie e riti tradizionali, medicine naturali, spettacoli, danze locali assieme a dimostrazioni di arti marziali. 

Festival Oriente 2015: info prezzi e location.

Un'occasione in più per visitare la capitale nel weekend del primo maggio. Gli spettacoli avranno inizio alle 10:30 e termineranno alle 22:30. Il prezzo del biglietto intero costa 10 euro, mentre quello ridotto (riservato ai bambini fino ai 7 anni) è di 7 euro.

Pubblicità
Pubblicità

Il festival dell'oriente 2015 è visitabile nei giorni prestabiliti, presso la Fiera di Roma. Tra gli spettacoli da non perdere: ''la cerimonia del tè cinese e giapponese''. Una procedura di grande fascino che si perde nella notte dei tempi. Nello specifico quella cinese è chiamata: Kung fu cha, che a grandi linee può essere tradotta come: tè preparato con cura e attenzione. Mentre il Cha no yu appartiene alla tradizione giapponese: un rito sacro e spirituale per tutti i nativi del sol levante.

Programma Festival dell'Oriente 2015 Roma

Ricordiamo che il programma potrebbe subire dei cambiamenti all'ultimo minuto per decisione degli stessi organizzatori. Per questo vi invitiamo a controllare la pagina ufficiale del festival che si trova a questo link: (http://festivaldelloriente.net/programma-generale-roma-2015/).

Pubblicità

Oltre ad artistici cinesi e nipponici, ci saranno spettacoli da parte di altre popolazioni del continente asiatico. Ballerini provenienti da Ulaan Baatar, capitale della Mongolia, che si cimenteranno in danze accompagnate da un sound etnico. Oppure, il gruppo musicale Dhoad originario del Rajasthan, deserto situato al nord dell'India. Ancora, i danzatori egiziani chiamati Tannura e il duo di artisti vietnamiti ''Lotus Ensamble''. Tra i numerosi eventi collaterali, non potevano mancare quelli riservati alla medicina naturale orientale, assieme ai famosi massaggi rilassanti e rigenerativi. #Cultura Roma