Episodio totalmente indecente destinato inevitabilmente a fare il giro del Mondo e a gettare fango e discredito addosso alla nostra nazione. Stiamo parlando di quanto è successo a Roma, alla chiesa di Don Bosco situata nel quartiere tuscolano, dove si sono celebrati i funerali del boss mafioso Vittorio Casamonica in pieno stile padrino, con tanto di pompose onoranze ed ostentazione dello sfarzo più assoluto.

I fatti ci raccontano di una celebrazione avvenuta proprio sulle note del Padrino (celebre film in tutto il mondo che narra le vicende della #Mafia) eseguite da una banda, con una carrozza che trasportava il feretro dotata di fregi in oro e rigorosamente trainata da 6 cavalli, in puro stile mafioso.

Pubblicità
Pubblicità

Nel momento in cui la bara è uscita dalla celebrazione, tra gli applausi della folla, la banda ha suonato la canzone "Paradise", ossia la famosa colonna sonora del film Laguna Blu, ma soprattuto c'è stato un successivo e oltremodo clamoroso lancio di petali di rose da un elicottero che ha sorvolato la zona, con molti dei partecipanti che hanno alzato il feretro al cielo. Non è tutto, perchè sono stati rilevati anche la presenza di alcuni striscioni affissi alla chiesa, con uno su cui c'era scritto a chiare lettere: "Vittorio hai conquistato Roma, ora conquisterai il paradiso".

Insomma si tratta di un fattaccio, inutile negarlo, che dimostra come la mafia sia in grado di realizzare più o meno qualsiasi cosa con, evidentemente, il benestare delle autorità preposte al controllo di queste "manifestazioni" e l'ok più assoluto del parroco di questo Chiesa.

Pubblicità

Le reazioni a questo fatto non mancano e il #Governo, per volere del ministro Alfano, pare voglia aprire un'indagine per accertare i fatti, ma di fronte ad una cosa così grave, con gli altri stati che ci guardano e sicuramente ci condannano, la cosa più auspicabile sarebbero le dimissioni in blocco della classe politica che ha permesso si potesse realizzare tutto ciò. Ecco il video di quanto accaduto, semplicemente raccapricciante: