Dopo un'ora di attesa nemmeno un taxi. Che schifo!”. Lo sfogo twittato di Claudia Gerini al suo arrivo alla stazione Termini di Roma, rispecchia la situazione della Capitale, al centro già di numerose e più pesanti polemiche negli ultimi mesi.

Per l'attrice romana – o per chi le cura il profilo Twitter, anche se pare sia proprio lei a cinguettare sulla linea dei 140 caratteri - si tratta di un disservizio dovuto al malfunzionamento dei taxi; probabilmente non esiste una regolamentazione che definisce i criteri di localizzazione delle auto. Sta di fatto che nella prima città d'Italia, uscire dalla principale stazione ferroviaria e non trovare nemmeno un tassista, per giunta dopo una attesa di un'ora, così come lamenta Gerini, è qualcosa di molto grave.

Pubblicità
Pubblicità

E dire che alla vigilia di Expo, era stato presentato un progetto di Cna, Confartigianato, Confesercenti e Confcommercio, per sfruttare i massicci flussi turistici previsti per l'evento milanese e convogliarli verso la capitale. Un progetto che, stando alle stime, avrebbe dovuto portare un incremento dei ricavi provenienti dal turismo fino al 10%, ipotizzando l'arrivo di circa 6 milioni di visitatori.

Purtroppo, quello che dovrebbe essere il biglietto da visita delle città e cioè l'accoglienza agli scali ferroviari e aeroportuali, spesso diventa un punto dolente. Roma non è l'unica realtà dove esistono problemi di questo tipo. E soprattutto manca la percezione della sicurezza proprio in tutte le aree intorno alle stazioni ferroviarie italiane. A Roma come a Napoli o a Milano, tanto per citare le principali.

Pubblicità

Probabilmente Claudia Gerini era di ritorno da Venezia dove ha partecipato al festival del #Cinema. Il 24 settembre prossimo sarà in uscita la pellicola “L'esigenza di unirmi ogni volta con te” con la Gerini e Marco Bocci.

Dopo il tweet, comunque, c'è un simpatico botta e risposta tra la Gerini e alcuni dei suoi seguaci sul social. C'è chi le consiglia di utilizzare Uber, il sistema alternativo ai taxi e proprio dai tassisti contestato in Italia. C'è chi le ricorda un episodio del programma televisivo 'Scherzi a parte' che la vide proprio vittima di un terribile scherzo con un taxi. La risposta della Gerini, però, non si è fatta attendere: “Fu divertente, ma quello era uno scherzo, questa è realtà”. #Politica Roma #Cronaca Roma