Una bimba nasce per strada, sul marciapiede di piazza Pio XII, nei pressi di piazza San Pietro. La giovane mamma è una clochard rumena di 23 anni. Dopo un lungo travaglio, nella notte ha dato alla luce una bimba di 2 chili e 900 grammi, con l'aiuto di una poliziotta accorsa sul luogo per soccorrerla. La giovane donna è stata avvistata da alcuni passanti, i quali, dopo aver compreso la situazione, hanno subito avvertito la forze dell'ordine. In seguito alla segnalazione, sono giunti sul posto alcuni agenti dell’Ispettorato Vaticano e delle volanti di polizia. Gli agenti, dopo aver disteso la partoriente sopra una coperta, hanno formato una catena umana per creare un ambiente caldo e protetto dagli sguardi indiscreti.

Pubblicità
Pubblicità

Ennesimo gesto umanitario quello di #Papa Francesco per i più bisognosi. Infatti, monsignor Konrad Krajewski, elemosiniere del pontefice, a nome di papa Francesco ha offerto ospitalità per un anno alla mamma e alla neonata, in una struttura delle suore di madre Teresa a Primavalle. Per il momento, la rumena 23enne e la figlia Irene, si trovano ricoverate all'ospedale Santo Spirito per ricevere assistenza e stanno bene. Lo stesso monsignor Krajewski ha riferito alla stampa che la donna era già nota nella zona. Pare, infatti che essa utilizzasse quotidianamente i servizi igienici fatti installare dallo stesso papa Francesco.

Krajewski, assisteva già da parecchio tempo la donna, in quanto appartenente al gruppo dei clochard che vivono vicino piazza San Pietro. Venuto a conoscenza della gravidanza, monsignor Konrad aveva provato già diverse volte ad offrire un alloggio alla giovane rumena, ma senza ottenere alcun successo.

Pubblicità

Adesso, in occasione del parto, è giunto finalmente il momento di accettare la proposta di ospitalità di papa Francesco, anche se la risposta è ancora incerta. Mons. Krajewski si recato in ospedale a trovare la giovane mamma, che si è dichiarata alquanto contenta di ricevere la sua visita. Nel frattempo, l'Elemosineria apostolica si è premurata di fornire una adeguata assistenza anche per il compagno rumeno della neo mamma.  #Cronaca Roma