È previsto per domani, giovedì 21 aprile 2016, lo sciopero dei mezzi a Roma. La mobilitazione dei mezzi Atac avrebbe dovuto coprire, originariamente, tutta la giornata. Tuttavia, grazie alla mediazione del prefetto della Capitale Gabrielli si è giunti ad una significativa riduzione dello sciopero, che coprirà – adesso – una fascia oraria meno sensibile rispetto agli orari di coloro i quali utilizzano i mezzi pubblici per recarsi sul posto di lavoro.

Sciopero trasporti Roma, tutto quello che c’è da sapere

Grazie all’intervento del prefetto di Roma, Franco Gabrielli, lo sciopero avrà una durata di sole quattro ore. La fascia oraria nella quale i mezzi non saranno in circolazione è quella che va dalle 8.30 alle 12.30.

Pubblicità
Pubblicità

E’ consigliabile, pertanto, uscire di casa prima delle 8.30 per poter usufruire del servizio di trasporto pubblico. Dopo le 12.30, comunque, la circolazione dei mezzi riprenderà regolarmente e proseguirà – si spera senza alcun intoppo – per tutta la giornata.

Quale tipo di trasporti non presterà servizio?

I mezzi che non saranno disponibili dalle 8.30 alle 12.30 sono quelli facente parte dell’Atac, vale a dire: autobus, tram e metropolitana (tutte le linee). Inoltre, saranno coinvolti nello sciopero anche le reti ferroviarie regionali, tra le quali il trenino che compie il percorso Roma-Ostia e la linea Termini-Centocelle.

Prefettura: “Garantire i diritti della Costituzione nel giorno del Natale romano”

La prefettura fa sapere che l’accordo per ridurre lo sciopero al minimo sindacale nasce dal fatto di dovere tutelare i diritti garantiti dalla nostra Carta Costitutiva in tema di trasporti.

Pubblicità

Inoltre, fa sapere l’organo periferico del ministero dell’Interno, nella giornata del 21 aprile, nella quale si festeggia il Natale romano, è previsto un afflusso di visitatori superiore della media di questo periodo. Alla luce di ciò, sarà necessario coprire le fasce delicate.

Le ragioni della protesta

Lo sciopero è stato proclamato dal sindacato Orsa ed è volto a protestare nei confronti del nuovo sistema retributivo, con il quale il tipo di salario di un dipendente sarà proporzionale alla produttività dello stesso. #sciopero generale #Cronaca Roma