E' costato caro a un 37enne invitare un gruppo di giovani a non fumare vicino ai binari. I ragazzi si sono infuriati ed hanno aggredito sia il trentenne che la madre sessantenne. E' successo ieri, 19 settembre 2016, nei pressi della stazione della metro di Piazza Bologna.

Il 37enne romano ha rimediato un'emorragia cerebrale e un trauma cranico

Il 37enne romano attendeva il convoglio con sua madre ma, a un certo punto, ha visto dei ragazzi che fumavano. Si è diretto verso di loro, ricordando che sui convogli della metro e sulle banchine non si fuma. I giovani si sono indispettiti ed hanno iniziato a picchiare il 37enne, che ha rimediato un'emorragia cerebrale e un trauma cranico.

Pubblicità
Pubblicità

Ha riportato lievi ferite anche la mamma del trentenne. La vittima del pestaggio adesso è in prognosi riservata. Madre e figlio sono stati subito soccorsi alla fermata di Piazza Bologna. Gli aggressori, due ventenni di Caserta, sono stati arrestati con l'accusa di tentato omicidio. Sembra che uno dei due ragazzi abbia opposto resistenza al momento dell'arresto, ammaccando anche una vettura di servizio.

Il pestaggio è avvenuto verso le 16 nei pressi della fermata di Piazza Bologna. Secondo una prima ricostruzione, i due casertani si sarebbero scagliati contro il trentenne romano con una violenza inaudita, sferrandogli calci e pugni in testa. Alla scena hanno assistito diverse persone. Una donna ha cercato di far desistere i ragazzi violenti ma era troppo tardi. Sul posto sono arrivati immediatamente gli operatori del 118, che hanno trasportato il 37enne all'ospedale 'Umberto I'.

Pubblicità

Il trentenne ha perso molto sangue ed ora lotta tra la vita e la morte. Tutto per una richiesta, un invito al rispetto degli altri.

Gli aggressori hanno agito con una brutalità sbalorditiva

I poliziotti, grazie all'identikit fornito da alcuni testimoni, hanno individuato ed arrestato subito i ragazzi spietati. Si trovavano in un luogo non molto distante da Piazza Bologna. Alcuni testimoni che hanno assistito al pestaggio hanno detto che gli aggressori hanno agito con una brutalità sbalorditiva: sembrava fossero sotto effetto di sostanze alcoliche o stupefacenti. #Cronaca Roma