Che ci fa Virginia #Raggi a parlare su un tetto con un'altra persona? Ma soprattutto, che ci fa, in pieno giorno, sul tetto del Campidoglio, oggi sede del comune della Capitale d'Italia? Saranno state queste le domande rimbalzate nella testa dei cittadini romani alla vista delle foto che ritraggono interloquire il primo cittadino di #Roma in un luogo abbastanza insolito. La notizia e le foto circolano e sono destinate a far discutere. Dopo il rumore fatto dal secco "no" per la candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024, il sindaco targato Movimento 5 Stelle torna a far parlare di sé. E non per le decisioni politiche che andranno ad interessare la città eterna, ma per una strana - quanto insolita - 'riunione' avvenuta dall'alto del Campidoglio.

Pubblicità
Pubblicità

Il 'paparazzo' - Il fotografo che ha immortalato la Raggi seduta sulle scale antincendio e con dei fogli in mano si chiama Frederico De Carvalho, giornalista portoghese in viaggio questi giorni in Italia. Dentro le valigie, il cronista lusitano non si è di certo dimenticato di mettere i 'ferri del mestiere', ai quali si è aggiunta la fortuna di trovarsi al posto giusto nel momento giusto - giornalisticamente parlando - per trovare il chiacchierato sindaco romano nella strana location.

De Carvalho non si è risparmiato dalla pubblicazione delle immagini, prontamente postate sul profilo Twitter e rilanciate sui social e su molteplici media. 

Perché? - Sono tanti i quesiti di questo tipo per chi ha visto le foto: perché la Raggi era sul tetto del Campidoglio? Con chi parlava? E di cosa? Perché la scelta di un luogo così semplicemente per avere un colloquio? Le questioni che infuocano la situazione politica romana sono differenti: oltre alle polemiche generate dal no alle Olimpiadi 2024 tiene ancora banco la ricerca degli assessori.

Pubblicità

La 'sosta sul tetto' che vede la Raggi accovacciata sulle scale anti incendio del tetto del comune di Roma insieme a un uomo - nelle immagini è di spalle - rappresenterà, presumibilmente, una nuova puntata legata all'amministrazione del sindaco della Capitale.