Sfiorata la tragedia, ieri mattina, a Tor Bella Monaca, popolare e 'difficile' quartiere di Roma. Alcune persone hanno iniziato a litigare nei pressi del complesso R5, per cause da accertare, ma l'alterco è degenerato. Arrivati immediatamente sul posto sia i poliziotti del Commissariato Casilino che il personale del 118. 

Il movente è ancora ignoto

Qualcosa, durante un litigio tra trentenni, ha fatto infuriare un uomo che, all'improvviso, ha estratto un coltello ed ha colpito un 36enne alla mano. Un 30enne è corso in aiuto della persona raggiunta dal coltellata ed ha sferrato un colpo di accetta all'aggressore dell'amico.

Pubblicità
Pubblicità

L'uomo ferito con l'accetta, allora, ha preso una pistola ed ha sparato contro il trentenne che era arrivato per difendere l'amico, ferendolo a una caviglia; poi, sporco, di sangue, si è dato alla fuga tra i 'dedali' presenti in zona. Alla Polizia sono arrivate parecchie segnalazioni. Diverse persone hanno visto un uomo a torso nudo, sporco di sangue, vagare in zona. Il personale sanitario e i poliziotti sono arrivati poco dopo la prima segnalazione, nei pressi del civico 124 di via dell'Archeologia. 

L'uomo ferito alla mano e l'amico raggiunto da colpo di pistola alla caviglia sono stati trasportati in ospedale. I poliziotti indagano sulla vicenda. Ignoto ancora il movente. Attualmente non si esclude nessuna ipotesi, anche se quella di un presunto oltraggio legato allo spaccio di droga è quella più attendibile.

Pubblicità

Una delle piaghe del tristemente noto quartiere della Capitale è quella dello spaccio di sostanze stupefacenti. Quello avvenuto ieri mattina in via dell'Archelogia, infatti, non è un evento isolato. Negli ultimi anni sono avvenute molte sparatorie e accoltellamenti a Tor Bella Monaca.

Alterco iniziato in un cortile e proseguito in un appartamento

Sembra che il litigio sia iniziato nei pressi di un cortile e poi proseguito in un appartamento. Nei giorni scorsi a Tor Bella Monaca, ma anche a San Basilio e alla Pisana sono finiti in manette diversi pusher che, secondo gli investigatori, vendevano cocaina purissima anche a persone insospettabili e abbienti della 'Roma bene'.  #Cronaca Roma