Le ultime news scuola, ad oggi, venerdì 25 novembre 2016, riguardano la vigilia, a dir poco 'infuocata', di questo #referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre, una vigilia caratterizzata da vibranti polemiche e critiche.

L'ultimo episodio (discutibile) è quello accaduto all'Università degli Studi di Roma Tre, dove le autorità accademiche dell'ateneo hanno deciso di imporre il proprio veto al confronto, proposto dagli Studenti per il No, con il giudice Ferdinando Imposimato.

Ultime news scuola, venerdì 25 novembre 2016: referendum, Giudice Imposimato contro Università Roma 3

Il Presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione ha ringraziato gli studenti universitari per la loro 'accoglienza e per il loro coraggio', così come si apre il post pubblicato sul proprio profilo Facebook: anche se non è stato possibile svolgere l'incontro in un'aula (essendo state chiuse tutte...) gli studenti si sono 'accomodati' sulla scalinata dell'atrio, decisi ad andare avanti sino in fondo e a tutti i costi.

Pubblicità
Pubblicità

Non sono mancati i momenti di tensione con il giudice Imposimato che si è opposto fermamente al direttore del dipartimento di filosofia, comunicazione e spettacolo, prof. Paolo D'angelo, che avrebbe voluto impedire lo svolgimento dell'iniziativa: Imposimato ha inviato una diffida ufficiale per quanto accaduto all'Università Roma 3, denunciando l'illegittimità di un regolamento accademico che va contro la nostra Costituzione, la Costituzione del 1948.

Referendum, Imposimato: 'Si va contro la nostra Costituzione italiana'

Gli studenti, naturalmente, hanno espresso tutta la loro soddisfazione per essere riusciti, comunque, a realizzare la propria iniziativa, nonostante 'la cieca opposizione dell'amministrazione', così come è stato sottolineato dal coordinatore nazionale di Link Roma Tre, Andrea Torti.

Pubblicità

Martina Campani di Studenti per il No ha ricordato, tra l'altro, anche l'altro episodio del tutto simile, accaduto qualche giorno fa a Catania, sottolineando come i diritti politici degli studenti debbono essere sempre rispettati come forma di rispetto verso la democrazia. #Scuola #Cronaca Roma