Residenti esasperati minacciano di impedire fisicamente i mercatini abusivi dei rom. Succede ad #ostia, dove i marciapiedi di viale della Vottoria e di via Oletta ogni lunedì e venerdì vengono occupati da decine di rom che stendono lenzuola e vendono gli oggetti che accumulano durante la settimana dal rovistaggio dei cassonetti. I giorni coincidono con quelli del vicino mercato rionale che si svolge rispettando le regole. Di rado i blitz della polizia municipale causa il fuggi fuggi generale dei nomadi ai quali viene sequestrato il materiale. Tuttavia diversi residenti più volte hanno chiamato i vigili urbani o le forze dell'ordine ma con esito negativo.

Pubblicità
Pubblicità

Una situazione che ormai va avanti da anni e che la politica sembra ignorare. "Non ce la facciamo più - spiegano alcuni cittadini del comitato di quartiere - tra i mercatini dei rom e gli insediamenti abusivi nel parco ci hanno abbandonato al #degrado". Nemmeno una settimana fa, da uno degli insediamenti di stranieri si sono levate le fiamme, alte anche 20 metri, che hanno coinvolto arbusti ed alberi del parco. Probabilmente a dar vita all'incendio, un focolare acceso dagli immigrati senzatetto per riscaldarsi. Quello che però non va proprio giù ai residenti sono i mercatini rom. "Non solo le cianfrusaglie dei cassonetti - continuano - ma anche le refurtive dei furti delle nostre case". Ed è così che dopo esposti, telefonate e raccolte firme si sono rivolti a #casapound, che ad Acilia si sta battendo contro un'occupazione dei nomadi.

Pubblicità

"Ogni lunedì e venerdì ormai riceviamo chiamate di residenti della zona o passanti che ci chiedono di fare qualcosa e per questo abbiamo deciso di intervenire lunedì mattina occupando la strada insieme ai cittadini ed impedendo di fatto i mercatini". A parlare è Luca Marsella, responsabile di CasaPound nel X Municipio romano che annuncia l'appuntamento anche sui social dove sembra ricevere molte adesioni. "Invitiamo a partecipare - continua Marsella - anche i cittadini degli altri quartieri. Ci saranno tensioni? Non sarà colpa dei residenti. Con loro abbiamo seguito ogni iter burocratico possibile ma nessuno ci ha ascoltato. Se ci saranno problemi le responsabilità andranno ricercate in chi per tutto questo tempo ha permesso i mercatini abusivi. Lunedì ci riprenderemo simbolicamente i nostri quartieri".

CasaPound, che ad Ostia è molto radicata, già negli anni scorsi ha svolto azioni del genere ed un anno fa proprio un blitz del vicepresidente del movimento Simone Di Stefano fece sgomberare i rom da viale della Vittoria, che però dopo poche settimane sono tornati sul posto. L'appuntamento è per lunedì mattina alle 9.