La Metropolitana B della Capitale ha ripreso le corse sull’intera tratta. Era stata chiusa questa mattina per un #incidente nella stazione di Castro Pretorio che aveva creato un’interruzione del servizio. Secondo fonti giornalistiche, un giovane uomo sarebbe caduto sui binari. Le cause sono ancora da verificare: non è appurato se si tratti di un tentativo di suicidio o di un fatto accidentale. Secondo la App “Muoversi a #Roma”, il ragazzo sarebbe stato colto da un malore.

L’Azienda dei trasporti locale attiva servizio in superficie

L’Atac aveva predisposto un servizio alternativo con autobus lungo la linea. Ma la situazione del traffico per alcune ore è stata fortemente compromessa.

Pubblicità
Pubblicità

ll ragazzo, intorno ai 20 anni, è stato soccorso dai medici del 118 e sarebbe stato portato in ospedale in codice rosso. Sono accorsi anche vigili del Fuoco e Polizia. Per alcune ore ai cancelli chiusi della #metropolitana si sono fermate persone spaventate. Il pensiero è andato agli attentati di San Pietroburgo di ieri e alle immagini delle esplosioni proprio nella Metro. Mentre i cartelli parlavano di “incidente”. Poco dopo si sono susseguite le notizie.

Altri casi

Non è la prima volta che il servizio della Metropolitana viene sospeso a causa di situazioni simili. Si sono verificati, ad esempio, suicidi e tentati suicidi proprio sui binari. A luglio scorso, ad esempio, un uomo a Colli Albani, lungo la linea A, fu tratto in salvo e trasportato al San Giovanni dove ha combattuto tra la vita e la morte.

Pubblicità

Napoli, ad agosto scorso, è stata protagonista di un episodio analogo. La tragedia è stata sventata grazie a dei passeggeri attenti che hanno immediatamente chiamato le forze dell’ordine: un quarantasettenne, sceso dalla metro Vanvitelli, si era sdraiato sui binari. Ma il macchinista del treno in arrivo fu avvertito in tempo per fermarsi in tempo. Anche a Milano, a novembre scorso, è accaduta la stessa cosa: una persona ha tentato di togliersi la vita sui binari della metro gialla presso la stazione Crocetta.