Tante le iniziative, a Salerno e provincia, per incentivare la buona pratica della lettura. Alcune originali e innovative come Busbook, altre più istituzionali e tradizionali come il Festival della letteratura che si svolge ogni anno a giugno nel capoluogo. Tra tutte merita una menzione particolare l'iniziativa, 'Libri corsari', curata dall'Associazione culturale Polis SA, che si prefigge di far conoscere al pubblico opere e autori davvero interessanti. Quest'anno la rassegna sarà inaugurata dallo scrittore padovano Paolo Zardi che presenterà il suo ultimo romanzo, XXI secolo, finalista al Premio Strega 2015.  L'incontro con l'autore ci sarà il 4 marzo presso la libreria Nuceria Bookstore alle ore 19:00, un appuntamento che vedrà tra gli ospiti: Mimmo Oliva, portavoce dell'Associazione Polis; Francesco Coscioni, editore; mentre a Simona Tortora sarà affidato il compito di prestare la voce ad alcuni frammenti del romanzo.

Pubblicità
Pubblicità

Il tutto sarà moderato da Davide Speranza, giornalista de La città.

XXI secolo: un romanzo feroce e spietato sulla crisi

Ambientato in un futuro imprecisato, 'XXI secolo' è un romanzo ricco di spunti di riflessione su come la crisi economica possa far saltare qualsiasi ipotesi di salvezza del modello occidentale di sviluppo. Tra le macerie di edifici mai terminati, vecchi che rubano, immigrati che sono diventati i nuovi padroni dell'Occidente, un uomo cerca ogni giorno, per amore dei suoi due figli e di sua moglie, di portare a termine la sua giornata di lavoro. Nonostante il disfacimento fisico, sociale e morale in cui è costretto a vivere, il protagonista anonimo di 'XXI secolo' si sveglia ogni giorno con la consapevolezza di una missione da adempiere: vedere i suoi depuratori per garantire alla sua famiglia una vita 'normale'.

Pubblicità

Tutte le certezze dell'uomo, però, crolleranno quando sua moglie, in seguito a un malore, entrerà in coma. Un momento difficile, pesante che sarà ulteriormente aggravato dalla scoperta di una foto che metterà profondamente in crisi l'identità della coppia.  #Cultura Salerno