Clamoroso ritrovamento alcuni giorni fa, tra le colline che costeggiano le località di Capezzano e Pellezzano in provincia di Salerno, di resti umani, risalenti al periodo della Seconda Guerra Mondiale. In particolare, i fatti risalirebbero ai giorni tra il 23 ed il 25 settembre del 1943, quando le colline delle due località erano state teatro di un'impresa di conquista. Nome in codice dell'operazione "Avalanche".

Tra i resti del povero caduto è stata rivenuta anche la piastrina del soldato con la seguente stampigliatura: «2./Inf. Ers. Btl.50 5459 B». Si tratterebbe quindi di un panzergrenadier, rimpiazzo della 2^compagnia del 50.mo battaglione di fanteria.

Pubblicità
Pubblicità

Il suo numero di matricola era 5459. Il ritrovamento è stato eseguito dai membri dell’associazione Salerno 1943.

La guerra a Salerno

La Città di Salerno fu  protagonista di uno degli eventi più significativi della seconda Guerra Mondiale: gli alleati americani, per arrivare a liberare Roma, sbarcarono sulle spiagge di Salerno e partirono proprio dalla costa campana per poter cacciare via i tedeschi.

Lo sbarco si susseguì in due fasi, prima gli alleati sbarcarono sulle spiagge all’altezza di Pontecagnano, e successivamente si spostarono tra Battipaglia, Eboli e Paestum. Ci furono scontri violenti tra gli alleati americani e le truppe tedesche, con gravi perdite.

Oltre 55 mila uomini, scortati da una forza navale che disponeva complessivamente di 4 corazzate, 7 portaerei, 11 incrociatori e alcune decine di caccia, avanzavano verso sud.

Pubblicità

L'intento degli alleati era quello di impadronirsi delle maggiori aree aeroportuali strategiche, per dar modo alle flotte aeree di partire e colpire le zone occupate dalle linee nemiche. Nonostante le resistenze delle truppe tedesche, gli americani riuscirono ad avere la meglio, ed a portare a termine i piani di conquista del territorio.

L'assalto portò la distruzione su diverse zone del Salernitano, con conseguente crollo di svariate abitazioni civili. Le operazioni vennero condotte dal Generale Mark Clark. I nemici scacciati, si spostarono verso Nord . #Cronaca Salerno