Abitini mozzafiato, tacchi alti e décolleté da urlo. Un completo ideale per una serata in allegria con l'obiettivo di farsi notare. A Battipaglia la 'sfilata' non avveniva davanti ad una discoteca ma nei pressi di una scuola. Dopo aver accompagnato i figli alcune #mamme iniziavano la loro vita parallela. Svestivano i panni della casalinga per trasformarsi in audaci signore in cerca di emozioni forti. Non solo #Trasgressione allo stato puro perché le massaie chiedevano un piccolo 'obolo' per mandare avanti la famiglia. Nella maggior parte dei casi era sufficiente sborsare trenta euro per poter beneficiare della 'consulenza domestica' delle audaci #casalinghe.

Pubblicità
Pubblicità

Il 'passaparola' ha alimentato il continuo via vai nel rione Serroni.

La denuncia: 'Rapporti intimi in pieno giorno'

Secondo i residenti di via Ionio il piazzale antistante alla scuola è diventato un vero e proprio parco dell'eros senza pudore. Nella maggior parte dei casi le prestazioni sessuali sono consumate alla luce del giorno. In tanti asseriscono di aver notato movimenti particolari nelle auto parcheggiate a pochi metri dal plesso scolastico. In molti hanno chiesto un deciso intervento dei vigili urbani e delle forze dell'ordine per scoraggiare le lezioni di erotismo all'aperto che si consumano sotto gli occhi di giovanissimi alunni. Non sono mancate situazioni imbarazzanti con mamme che hanno rischiato di essere riconosciute dagli insegnanti dei figli.

Le audaci massaie dividono la città: corsa al lotto

In alcuni casi le avvenenti massaie adescano i papà dei compagni di scuola dei figli.

Pubblicità

In molte preferiscono consumare il rapporto sessuale nel piazzale del rione Serroni per evitare di incappare in cattive sorprese tra le mura domestiche. L'indiscrezione relativa alle casalinghe osé ha diviso la città della Piana del Sele. C'è chi ha manifestato scetticismo e chi ha deciso di giocare i numeri a lotto. Non è da escludere che nelle prossime ore l'area degli incontri galeotti venga monitorata dalle forze dell'ordine.