Dopo il successo di “Marc Chagall. Segni e colori dell’anima (2015)” e “Joan Miró e i Surrealisti. Le forme, i sogni, il potere” (2016), il Marte Mediateca Arte Eventi di Cava de’ Tirreni ospita, fino al 18 giugno, la mostra dal titolo '”Pablo Picasso e altri viaggiatori, storie naturali e viaggi spirituali”.

La mostra

L’itinerario espositivo, curato da Marco Alfano e promosso in collaborazione con il settore Musei e Biblioteche della Provincia di Salerno, presenta 48 opere originali di Pablo Picasso (litografie, incisioni e ceramiche). Tra queste due importanti serie complete: “le 31 incisioni dell’Histoire Naturelle di Buffon (1942), all’acquaforte ed acquatinta allo zucchero e le 5 litografie a colori della Barcelona Suite (1966)”.

La genialità creativa del pittore nato a Malaga nel 1881 e morto a Mougins nel 1973 si esprime non solo nell’aver anticipato le principali correnti artistiche del Novecento, ma anche nell’aver sperimentato, con risultati eccelsi, diverse forme di produzione artistica (pittura, scultura, ceramica, grafica).

In esposizione anche 40 opere (dipinti, disegni, acquerelli, incisioni e ceramiche provenienti dalle raccolte dei Musei Provinciali e da collezioni private) di grandi artisti giunti sulle coste salernitane e ispirati dalla bellezza di Amalfi, Positano, Ravello, Vietri sul Mare.

A corredo delle sale espositive sono presenti riproduzioni di materiale fotografico e video di autori celebri che hanno lavorato con Picasso negli anni ’40 e ‘60: Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, Herbert List, René Burri e Henri-Georges Clouzot che ha diretto nel 1956 “Il mistero Picasso”, film documentario sulla vita dell’artista spagnolo e da lui stesso interpretato.

La mostra sarà visitabile dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 13.30 e dalle 16.00 alle 20.00 e il sabato, la domenica e i giorni festivi dalle ore 10.00 alle 13.30 e dalle 16.30 alle 21.00 al costo di 6 euro (biglietto intero) e 4 euro (biglietto ridotto).

I laboratori

La mostra è arricchita da numerosi eventi collaterali destinati ai visitatori di tutte le età: laboratori artistico-espressivi pensati per avvicinare i bambini alla pittura d’avanguardia e visite guidate teatralizzate per ricreare l’atmosfera e il periodo storico delle opere esposte.

Tra i laboratori riservati ai i più piccoli:

- Il mio Barcellona Suite (ciascun bambino ritaglia i particolari di volti e figure da copie dei ritratti esposti e li ricompone su supporto rigido per creare un nuovo ritratto);

- Frammenti di fotografie (i partecipanti si divertono a ritagliare ed incollare frammenti di riviste per creare un volto, secondo la convinzione di Picasso che “Ogni ritratto è la somma di un miliardo di fotografie.”);

- I ritratti cubisti (i bambini realizzano un fondo a collage incollando frammenti e pezzi di giornale su un foglio bianco, quindi tracciano e colorano un disegno a mano libera ispirati da un’opera di Picasso). #Cultura Salerno