Il Chmp (Agenzia europea per l’approvazione dei nuovi #Farmaci) ha dato parere favorevole per Bavencio (Avelumab), anticorpo umano anti-PD-L1 co-sviluppato da Merck e Pfizer. L’indicazione terapeutica è per il trattamento delle forme metastatiche del carcinoma a cellule di Merkel, una rara malattia di origine neuroendocrina che colpisce le cellule di Merkel localizzate nella parte più superficiale della pelle. Il farmaco è stato già approvato negli Stati Uniti ed entro fine anno è atteso il via libera anche in Europa.

Un altro passo avanti

Nella lotta contro i #tumori si procede a piccoli passi. A volte ci sono delle scoperte che consentono, in tempi piuttosto brevi, di fare progressi inimmaginabili solo pochi anni prima.

Pubblicità
Pubblicità

E’ il caso dell’immunoterapia, ovvero l’uso di anticorpi nella lotta contro i tumori. L’arrivo degli anticorpi anti-PD-L1 ha portato in pochi anni anni a nuovi farmaci contro vari tumori, dalla vescica al rene, dal polmone (NSCLC e mesotelioma) al gastrico. Ora arriva l’indicazione per le forme metastatiche del carcinoma a cellule di Merkel.

Questi anticorpi anti-PD-L1 agiscono in competizione con PD-L1 (Programmed cell Death-Ligand 1), bloccando il recettore PD-1 (Programmed cell Death 1), una proteina trans-membrana che regola i meccanismi legati al sistema immunitario che portano alla morte cellulare (apoptosi). Grazie alla loro specificità, questi anticorpi si legano a questi recettori di membrana, sulla superficie delle cellule tumorali, promuovendo un attacco mirato da parte del sistema immunitario che porta alla distruzione del tumore.

Pubblicità

Avelumab, nome commerciale Bavencio, prodotto co-sviluppato da Merck e Pfizer, ha ricevuto dalla Commissione Europea la designazione di “farmaco orfano” per il carcinoma a cellule di Merkel. Ora è al vaglio del Chmp e la decisione è prevista entro l’anno. Se venisse approvato – come è atteso visto che la stessa FDA lo ha approvato con procedura accelerata - sarà il primo farmaco a disposizione di questi pazienti, in Europa.

Carcinoma a cellule di Merkel

Le cellule di Merkel sono cellule di origine neuroendocrina, presenti nella parte più superficiale della pelle. Sono in contatto con le terminazioni nervose e per questo determinano la sensazione del tatto. Se la loro proliferazione va fuori controllo ed iniziano a moltiplicarsi in modo anomalo, condizione fortunatamente piuttosto rara, si ha il carcinoma a cellule di Merkel.

Si tratta di un tipo di tumore la cui incidenza è in aumento. Secondo i dati del National Cancer Institute, negli Stati Uniti ogni anni vengono diagnosticati 1.600 nuovi casi.

Pubblicità

In Europa l’incidenza è del 0,13 casi ogni 100mila abitanti. Le cause vanno cercate in una maggiore esposizione al sole, all’azione del poliomavirus e ad un numero crescente di individui immunodepressi. I siti cutanei maggiormente interessati da questo carcinoma sono quelli più esposti al sole (testa, collo, braccia, gambe e busto).

L’aspetto più preoccupante di questo carcinoma è che - nel 40% dei casi - sin dalle prime fasi tende a metastatizzare, invadendo altri organi quali polmoni, cervello e ossa. Ed è molto incline a dare recidive anche dopo un primo trattamento o intervento chirurgico.

Finora si interveniva chirurgicamente o con radioterapia. Non erano disponibili farmaci efficienti per un trattamento chemioterapico. Avelumab rappresenta quindi il primo trattamento farmacologico per questo tipo di tumore. #salute