Pubblicità
Pubblicità

Il suo acronimo KPC, sta per Klebsiella Pneumoniae Carbapenemasi, si tratta di un nuovo batterio killer, resistente anche ai più potenti antibiotici in commercio che ha sta mettendo paura e facendo gridare all'allarme molti. Tanto è vero che il superbatterio è stato descritto nel corso del convegno della Sita, la società italiana di terapia antinfettiva, che si sta svolgendo in questi giorni a Santa Margherita Ligure. In questa sede, di fronte ad una platea in cui sono riuniti i più importanti infettivologi italiani oltre a lanciare l'allarme su questo nuovo superbatterio è stato, nello stesso tempo, dato inizio alla campagna "Antibiotici - la nostra difesa numero 1" e sono stati dati utili consigli terapeutici per contrastare la proliferazione di questo nuovo batterio killer per il quale, al momento, non esiste una terapia farmacologica specifica.

Perché il KPC è resistente agli antibiotici

Il KPC è solo uno dei diversi casi di #batteri che, sempre più di frequente, si stanno rivelando resistenti a qualsiasi tipo di terapia antibiotica.

Pubblicità

Il motivo fondamentale, secondo gli infettivologi riuniti a Santa Margherita Ligure, e per il quale è stato dato il via alla campagna sugli antibiotici, è l'uso scorretto di questi farmaci, o abusandone o non seguendo correttamente la terapia consigliata, cosa che genera come conseguenza a medio termine lo sviluppo della farmacoresistenza da parte dei batteri come il KPC. E questo genera purtroppo molti decessi.

Di che tipo di batterio si tratta

Secondo Matteo Bassetti, dell'Azienda sanitaria universitaria integrata di Udine e vicepresidente della Sita, ci troviamo di fronte a un batterio che, attraverso dei processi di mutazione [VIDEO] ha progressivamente mutato il proprio patrimonio genetico divenendo altamente resistente agli antibiotici e essendo causa, in prevalenza, di infezioni di vario genere che spaziano da quelle polmonari a quelle del sangue. Dato che, come spiega Bassetti, questo superbatterio si è dimostrato resistente alla terapia con l'ultima classe di antibiotici sviluppata che sono i più potenti, attualmente non abbiamo a disposizione una terapia specifica. L'unica alternativa possibile è sviluppare una terapia multi-farmaco, cioè un cocktail di antibiotici in grado di sconfiggerlo.

Pubblicità

Anche perché il tasso di mortalità associato a questo batterio è estremamente alto. Il decesso si verifica infatti nel 50% dei casi di infezione. Bassetti ribadisce che il problema fondamentale da risolvere, affrontato anche nell'ultimo G7 dei Ministri della Salute che si è svolto recentemente a Milano, è quello dell'utilizzo corretto degli antibiotici La battaglia, per gli infettivologi del Sita, si articola in due differenti direzioni. Da una parte una campagna di sensibilizzazione sull'uso corretto dei farmaci e dall'altra un'azione di pressione sul #Governo perché consenta una maggiore libertà di sperimentazione di nuove molecole per sviluppare gli antibiotici necessari. #Benessere