Pubblicità
Pubblicità

Dei medici a Miami hanno dovuto affrontare un insolito dilemma di natura etica, nel momento in cui si è presentato un paziente incosciente e in grave pericolo, tuttavia egli aveva tatuate le parole "#non rianimare" sul suo petto. L'uomo di 70 anni è stato portato all'inizio di quest'anno al Jackson Memorial Hospital, dove i medici hanno fatto una sorprendente scoperta: l'uomo aveva un tatuaggio sul torace che sembrava trasmettere il desiderio da parte del paziente [VIDEO] di non essere salvato. La parola "Not" era abbastanza sottolineata e il tatuaggio includeva una firma. Di conseguenza questo ha provocato alla squadra medica una miriade di questioni etiche e legali: era una rappresentazione di ciò che il paziente voleva fosse fatto? Era legalmente valido? Avrebbero dovuto onorare il suo volere?

Le varie opinioni sul caso

Un medico di terapia intensiva ha dichiarato in un'intervista: "credo che molti medici abbiano scherzato almeno una volta sul fatto di avere un paziente con un tatuaggio del genere - e poi quando ne vedi uno, c'è una specie di sorpresa e shock sul tuo viso.

Pubblicità

Poi lo shock aumenta perché in effetti devi pensarci e prendere una decisione." Holt ha detto che il paziente, che soffriva di una malattia polmonare, viveva in una casa di cura, ma è stato trovato intossicato e incosciente per strada e portato al Jackson Memorial. Egli arrivò, dunque, senza identificazione, senza famiglia o amici, e senza alcun modo di far capire ai dottori se voleva vivere o morire. L'uomo ha avuto un'infezione che ha portato a uno shock settico, che causa insufficienza organica e pressione sanguigna estremamente bassa.

Cos'hanno deciso di fare i medici?

Hanno dato all'uomo liquidi per via endovenosa, antibiotici e farmaci per la pressione sanguigna per acquistare più tempo per prendere la decisione [VIDEO] circa la vita o la morte del paziente. Poi , quando la sua pressione sanguigna ha iniziato a calare, i medici del pronto soccorso hanno chiamato il medico, specializzato in malattie polmonari - e in primo luogo hanno deciso di non onorare il tatuaggio, "invocando il principio di non scegliere un percorso irreversibile di fronte all'incertezza".

Pubblicità

"Avevamo un paziente con cui non potevo parlare", ha dichiarato al Washington Post, "e volevo davvero parlargli per vedere se quel tatuaggio riflettesse veramente ciò che voleva per i suoi progetti di morte". Successivamente però, l'#equipe medica ha usato una maschera di respirazione sull'uomo, ha detto, ma ha lottato con la decisione definitiva di agganciarlo a una macchina che avrebbe respirato per lui.

Dopo aver esaminato il caso del paziente, i consulenti di etica hanno consigliato di onorare il tatuaggio di non rianimare (DNR) il paziente. Hanno suggerito che era più ragionevole dedurre che il tatuaggio esprimesse un'autentica preferenza. L'uomo, che non è mai stato identificato pubblicamente, è morto il mattino successivo. #Ospedale