Kevin Strootman, nato a Ridderkerk , città dell'Olanda meridionale, il 13 febbraio 1990, 187 centimetri per 78 chili, è sicuramente uno dei migliori talenti del calcio europeo. La Roma è riuscito a strapparlo alla concorrenza di diversi top club europei (Manchester United su tutti) grazie ad un offerta al Psv Eindhoven di 16 milioni più 2 di bonus.

Mancino, leader dentro e fuori dal campo, capitano sia della Nazionale Under21 (che ha salutato dopo gli Europei appena disputati in Israele) che della sua ormai ex squadra, il Psv, l'olandese è un centrocampista centrale di grande spessore.

Piede raffinato, ottimo sia davanti alla difesa che come mezz'ala sinistra in un centrocampo a tre, Strootman può vantare un buon tiro (nel Psv 7 gol su 62 presenze) e doti da grande regista: saranno i suoi piedi a dirigere l'orchestra della Roma nei prossimi anni.

Pubblicità
Pubblicità

Oltre alle qualità tecniche, è necessario sottolineare la personalità dell'olandese: nonostante la giovane età, il centrocampista ha già collezionato ben 16 presenze anche con la nazionale maggiore dove è diventato un punto fermo nella selezione del sergente di ferro orange Louis Van Gaal, tanto da essere designato come capitano dopo Wesley Sneijder e Dirk Kuyt. Strootman inizia la sua carriera, a livello giovanile, con la maglia del VV Rijsoord.

Il suo primo trasferimento risale al 2007, quando il giocatore si trasferisce allo Sparta Rotterdam. Nel gennaio 2008, l'olandese viene promosso in prima squadra e firma il primo contratto da professionista. Strootman rimane per tre anni nel club di Rotterdam per poi passare nel gennaio 2011 all'Utrecht. Nel giugno 2011 viene ingaggiato dal Psv Eindhoven nella trattativa che comprende anche il neo-acquisto del Napoli Dries Mertens per un totale complessivo di 13 milioni di euro.

Pubblicità

Il suo trasferimento è datato 16 luglio 2013 con il passaggio alla Roma: c'è da scommettere che le chiavi del centrocampo giallorosso saranno nelle mani del talento olandese per molte stagioni. #Calciomercato