L'ultima di Nairo Quintana farà sorridere gli appassionati di questo splendido sport che si chiama #Ciclismo ma rende bene l'idea di come, al giorno d'oggi, si curi al massimo il benché minimo dettaglio che possa migliorare all'ennesima potenza la prestazione di un campione. Ebbene, come riportato dalla Gazzetta dello Sport di oggi, martedì 28 febbraio, è accaduto un fatto curioso alla partenza della terza tappa dell'Abu Dhabi Tour.

Nairo Quintana e quel curioso aneddoto dei 'bisognini': ecco cosa è successo all'Abu Dhabi Tour

Infatti, il piazzale antistante lo stadio di Al Ain è stato adibito come 'quartier generale' delle squadre con tanto di bagni chimici da poter sfruttare in caso di irrimandabili bisogni.

Pubblicità
Pubblicità

Ebbene, la Movistar ha mandato un componente del proprio staff per fare la fila salvo chiamare con la radiolina Nairo #Quintana, una volta arrivato il proprio turno: lo stratagemma ha permesso al campionissimo colombiano di poter espletare i propri bisogni senza dover restare in coda per troppo tempo, in piedi.

Tra l'altro, la curiosità diventa decisamente particolare se si considera il fatto che la coda per andare in bagno non fosse di quelle chilometriche: evidentemente, Movistar vuole curare all'esasperazione ogni minimo dettaglio che possa influire sulle prestazioni.

'Freni a disco?' Ecco cosa ne pensa Nairo Quintana

Nairo Quintana, tra l'altro, ha voluto dire la sua in merito allo scottante dibattito relativo ai freni a disco e non ha perso occasione per sottolineare la sua contrarietà al loro utilizzo in campo professionistico: 'Se per un cicloturista i freni a disco possono andare bene, per noi professionisti no e i motivi sono diversi. Il disco può sfiorare il freno - ha dichiarato Quintana - la bici è più pesante ed anche meno aerodinamica.

Pubblicità

I freni che ci sono adesso non danno problemi. E poi - conclude il campione colombiano della Movistar - teniamo presente il pericolo: deve per forza succedere una disgrazia per rendersi conto di quanto sia grande, in un gruppo che può essere anche di 200 corridori?'.