Bruttissima notizia per #Valentino Rossi e per tutti i suoi fan. Nel corso di un allenamento con la moto da enduro, il pilota di Tavullia è stato vittima di una brutta caduta che gli ha provocato la frattura di tibia e perone. Il Dottore è attualmente ricoverato presso l'ospedale di Urbino e - con ogni probabilità - già nella notte sarà operato per ridurre i tempi di recupero.

Ad ogni modo, è inutile dire che il mondiale 2017 è praticamente compromesso [VIDEO] a seguito di questo brutto incidente. Quando mancano sei gare al termine della stagione, Rossi si trova attualmente al quarto posto della classifica piloti, distanziato di 36 punti dal leader Andrea Dovizioso, pilota della Ducati.

Pubblicità
Pubblicità

Brutto infortunio Valentino Rossi: tempi di recupero lunghi?

In attesa di comprendere meglio il quadro clinico riguardo alle reali condizioni di Valentino Rossi dopo il terribile incidente che ha causato la frattura di tibia e perone, possiamo ipotizzare che i tempi di recupero non saranno brevissimi. Certamente, il pilota di Tavullia non correrà il Gran Premio del prossimo 10 settembre a San Marino, sul circuito di Misano. Probabilmente, Rossi sarà costretto a saltare quello del 24/09 ad Aragon, in Spagna. Se così dovesse essere, per il pilota di Tavullia svanirebbero tutte le chance residue di vincere il mondiale, che - comunque - in questo momento passa in secondo piano, dal momento che Valentino dovrà pensare a rimettersi in sesto prima di tornare in pista.

Tifosi increduli alla notizia dell'infortunio occorso a Valentino Rossi.

Pubblicità

I tantissimi supporters del Dottore, senza dubbio il pilota più mediatico della #motogp, stanno esprimendo sui social tutto il loro rammarico per quanto accaduto al nove volte campione del mondo. C'è chi, addirittura, pensa che la carriera di Rossi possa essere giunta al capolinea dopo l'incidente. Altri, più ottimisti, augurano al 38enne di tornare a correre per vincere il mondiale. Fino a quando non se ne saprà di più, sarà difficile (se non impossibile) stabilire la reale entità dell'infortunio e azzardare ipotesi di ritiro. Quel che è certo è che, all'età di 38 anni, non sarà semplice rimettersi in sesto. Ma il Dottore ci ha già dimostrato, nell'arco della sua ventennale carriera, di sapersi rialzare dopo momenti durissimi. La speranza di tutti è che possa essere così anche questa volta...

Se vuoi restare aggiornato sul mondo della MotoGp e su Valentino Rossi clicca sul tasto 'Segui' in alto, accanto al nome dell'autore.