Pubblicità
Pubblicità

Dopo due edizioni extraeuropee i #mondiali di #Ciclismo tornano nel vecchio continente. La rassegna iridata è in programma dal 17 al 24 settembre in Norvegia, a Bergen. Sarà un Mondiale non particolarmente difficile, disegnato su misura per i campioni locali Kristoff e Boasson Hagen, e per gli altri corridori veloci in grado di superare le piccole salite come Sagan o Matthews. In attesa di scoprire le formazioni definitive che tra poco più di un mese si giocheranno la maglia iridata, l’Uci ha comunicato quanti corridori potranno schierare le varie nazionali al via.

Mondiali di ciclismo, l’Italia con nove corridori

Per assegnare i posti per i Mondiali in linea fa fede la classifica per nazioni del World Tour di metà agosto.

Pubblicità

Le prime dieci nazioni hanno il pieno contingente di nove corridori da schierare nella prova in linea, quelle che seguono devono accontentarsi di mini schieramenti da sei corridori e più indietro da tre. Altri posti sono assegnati tramite le classifiche per nazioni continentali. Infine i paesi che non hanno avuto nessun posto tramite i vari ranking potranno ancora fare una richiesta all’Uci per occupare gli eventuali vuoti lasciati da altre nazioni.

Ecco le nazioni che correranno con nove corridori ai Mondiali di ciclismo di Bergen: Belgio, Colombia, Spagna, Francia, Italia, Australia, Olanda, Gran Bretagna, Germania e Norvegia.

Kwiatkowski e Sagan con pochi gregari

Se Kristoff, Matthews e Gaviria potranno usufruire del lavoro di una squadra al completo, non sarà così per due dei grandi favoriti, Kwiatkowski e Sagan [VIDEO], gli ultimi vincitori dei Mondiali. [VIDEO]Sia la Polonia e che la Slovacchia sono infatti rimaste escluse dai primi dieci posti del ranking World Tour e dovranno così arrangiarsi con soli sei corridori.

Pubblicità

Per Sagan comunque non è una novità, visto che ha già vinto due Mondiali in situazioni analoghe.

Ecco le nazioni che correranno con sei corridori ai Mondiali di ciclismo di Bergen: Polonia, Slovacchia, Irlanda, Slovenia, Danimarca, Stati Uniti, Svizzera, Repubblica Ceca, Portogallo, Russia.

Con tre corridori ci saranno: Lussemburgo, Austria, Sudafrica, Nuova Zelanda, Canada, Bielorussia, Ucraina, Kazakistan, Eritrea ed Estonia.

Con un solo corridore: Lettonia, Iran, Marocco, Romania, Lituania, Venezuela, Argentina, Turchia, Costa Rica, Giappone, Ecuador, Croazia, Ruanda, Brasile, Svezia, Corea, Algeria, Tunisia, Cina, Azerbaijan.