Pubblicità
Pubblicità

Sarà una #Bora Hansgrohe molto più completa e competitiva quella che ruoterà attorno al tre volte Campione del Mondo Peter Sagan [VIDEO] nella stagione del #Ciclismo 2018. La squadra tedesca ha operato con intelligenza e oculatezza sul ciclomercato, mettendo a segno pochi colpi mirati di ottima qualità. Particolarmente rilevante per aiutare Sagan sarà l’arrivo di un corridore esperto come Daniel Oss, spesso determinante nelle ultime stagioni nei successi di Greg Van Avermaet nella campagna del nord.

Sagan, arriva un grande rinforzo

Dopo i botti della scorsa stagione, l’ingaggio di Peter Sagan [VIDEO] e in misura minore quello di Rafal Majka, la Bora Hansgrohe ha operato in maniera diversa quest’anno sul ciclomercato.

Pubblicità

L’obiettivo è diventato quello di alzare il livello complessivo della squadra per dare un supporto più adeguato ai capitani e aprire nuove opportunità. #Peter Sagan ha avuto il rinforzo che si aspettava. Nelle classiche il campione slovacco potrà contare su una spalla di qualità come il trentino Daniel Oss, un arrivo che può rivelarsi doppiamente determinante visto che è stato strappato alla BMC del grande rivale Greg Van Avermaet.

La Bora ha però pensato a rinforzare anche gli altri settori della squadra. Per le corse a tappe è arrivato un buon gregario, l’austriaco Felix Grosschartner, e due corridori che potranno invece ritagliarsi uno spazio più personale, Peter Kennaugh e Davide Formolo. Il britannico punterà soprattutto alle corse di una settimana, mentre il veneto si preannuncia come seconda punta per i grandi giri, dietro a Majka.

Pubblicità

Bora ancora con 27 corridori

Come i nuovi arrivati anche i partenti sono quattro, per un organico che resta quindi fermo a quota 27 corridori. Nella Bora Hansgrohe 2018 non vedremo più il tedesco Silvio Herklotz e il portoghese Josè Mendes, passati alla spagnola Burgos, e il neozelandese Shane Archbold che è stato ingaggiato dalla Aqua Blue Sport. Non è stato confermato il ceco Jan Barta, rimasto senza squadra. Il punto di riferimento della Bora resta ovviamente Peter Sagan, con un programma che verosimilmente ricalcherà quello delle ultime stagioni e cioè classiche del nord, Tour e Mondiali. La Bora avrà ottime occasioni nelle volate, anche quando non sarà in corsa Sagan, grazie a Matteo Pelucchi, Sam Bennett e l’emergente tedesco Ackermann. Per i grandi giri Majka è il leader, con Formolo che dovrebbe avere l’occasione di guidare la squadra quando non sarà presente il polacco. Si cercherà poi di recuperare Konig, fermo quasi tutta la stagione per infortunio, e di far crescere il tedesco Buchmann, buon 15° all’esordio nel Tour de France.

Pubblicità

Ecco i corridori della Bora Hansgrohe 2018

Pascal Ackermann

Erik Baska

Cesare Benedetti

Sam Bennett

Maciej Bodnar

Emanuel Buchmann

Marcus Burghardt

Davide Formolo

Felix Grosschartner

Peter Kennaugh

Michael Kolar

Patrick Konrad

Leopold Konig

Rafal Majka

Jay McCarthy

Gregor Muhlberger

Daniel Oss

Matteo Pelucchi

Christoph Pfingsten

Pawel Poljanski

Lukas Postlberger

Peter Sagan

Juraj Sagan

Aleksejs Saramotins

Andreas Schillinger

Michael Schwarzmann

Rudiger Selig.