Una tartana del XIX secolo, sapientemente restaurata, pronta a realizzare un'impresa, grazie ad un progetto promosso da alcuni ragazzi tarantini, capitanati da Gianni Semeraro, comandante dell'imbarcazione e co-fondatore del progetto. Attualmente ormeggiata presso il Molo di Sant'Eligio di Taranto, partirà dalle acque tarantine, per giungere all'Oceano Atlantico.

Gianni Semeraro spiega entusiaste l'iniziativa: " Salina è una imbarcazione con la quale l'Associazione Salina Puglia, fondata per la divulgazione della cultura marinaresca, darà il via col nuovo progetto che si chiama "Da Taranto a Capoverde". Questo progetto nasce per dare voce alla città di Taranto e ai suoi ragazzi, e ha la finalità di affrontare la crisi non come blocco ma come opportunità di crescita e di ripresa lavorativa".

Pubblicità
Pubblicità

L'imbarcazione velica prevede la guida di ragazzi tarantini: " L'equipaggio è formato da due persone, da me che sono il comandante di Salina - aggiunge Gianni Semeraro - e il cofondatore del progetto Andrea Zaccaria, e poi ci sarà un terzo che si imbarcherà a Gibilterra, Romolo Mancinelli, che ci darà supporto lungo l'Oceano Atlantico sino a Mindelo, punto di arrivo".

Tale percorso ricalca le antiche rotte del navigatore italiano Antonio De Noli, che nel 1460 scopri l'arcipelago di Capoverde." Il tragitto che durerà circa 8000 miglia e 8 mesi di navigazione sarà intervallato da dodici attracchi nel Mediterraneo, tappe in cui faremo giornate formative nelle scuole e nelle università locali. - Il capitano svela anche il duplice scopo della manifestazione - Arrivati a Capoverde, oltre alla formazione, realizzeremo un documentario che durerà circa tre mesi, e avvieremo insieme ai ragazzi capoverdiani un'attività culturale.

Pubblicità

Questa parte del progetto è voluta fortemente dall'Ambasciata Capoverdiana, che ha scritto una lettera di elogio al Ministro Franceschini, definendolo un'iniziativa di eccellenza italiana".

Percorso lungo e intenso che prevede una prima parte tutta tricolore, da quanto si apprende: "Toccheremo 12 porti italiani, partendo da Taranto, poi in ordine di arrivo Cirò Marina- Reggio Calabria- Tropea - Sorrento - Fiumicino - Isola del Giglio - Capraia - Noli - Bastia - Santa Teresa di Gallura e Alghero che sarà l'ultima tappa nazionale. Sarà la volta della Spagna sino ad arrivare a Gibilterra, da lì rotta verso l'Oceano Atlantico per Las Palmas, nelle Canarie e 860 miglia dopo saremo a nella isola di São Vicente precisamente a Mindelo - Capo Verde". #Cultura Taranto