Manca poco all'1 maggio, il giorno in cui si celebra la Festa dei Lavoratori, ma la città di Taranto è già in fermento per accogliere uno degli eventi dell'anno più atteso e importante, l'ormai famoso Concertone del Primo Maggio. Da tre anni, ormai, la città si riempie di giovani e anche meno giovani che si danno appuntamento al Parco Archeologico delle Mura Greche per assistere ad uno spettacolo che non è secondo a nessuno. A dirlo è proprio il direttore artistico del concerto, Michele Riondino, attore italiano e tarantino che, sin dagli esordi, si occupa di dar vita a questo spettacolo, con l'aiuto di Roy Paci e, da quest'anno, anche di Antonio Diodato, cantante tarantino divenuto famoso grazie alla partecipazione al Festival di Sanremo.

Pubblicità
Pubblicità

Come ogni anno, lo scopo di questo evento musicale è quello di far riflettere sull'inquinamento e sulle ripercussioni che questo ha sulla salute dei cittadini di Taranto e non solo. A sostenere fortemente la causa è il Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, un gruppo di cittadini e operai formatosi nel 2012 in seguito al sequestro dell'Ilva. Quest'anno ha fornito anche il proprio aiuto economico la squadra di calcio del Taranto che, grazie alla vendita dei biglietti per la partita Taranto-Potenza, è riuscita a raccimolare poco più di 6000 euro.

#unomaggiotaranto 2016, chi sono gli ospiti

Dopo l'enorme successo dell'anno scorso che ha fatto registrare più di 250 mila presenze, quest'anno tutta la direzione artistica e organizzativa mira a fare di più e a questo proposito ha scelto di invitare al Concerto del 1° maggio nomi importanti dello scenario musicale italiano.

Pubblicità

La vera novità di quest'anno è la presenza dei Litfiba, il famoso duo del rock che per l'occasione si riunisce sul palco di Taranto per far sentire la propria voce e la propria rabbia. Tra gli ospiti che si esibiranno a partire dalle ore 14 ci saranno anche Niccolò Fabi e Daniele Silvestri, gli Afterhours, i Subsonica, la voce emergente di Levante e molti altri artisti tarantini, come Renzo Rubino, Orchestra Mancina, Mama Marjas, Fido Guido e Frank Buffoluto.

Non solo musica, ma anche eventi teatrali e mostre

Quest'anno l'impegno va ben oltre il concerto del primo maggio: grazie a numerose e diverse associazioni, movimenti, scuole del territorio ci saranno anche tantissime mostre, spettacoli teatrali, eventi sportivi e rassegne cinematografiche che hanno come scopo quello di mostrare alla gente che Taranto non può e non deve vivere solo grazie all'industria inquinante, ma deve guardare oltre, per esempio al turismo. Pochi sanno che la città di Taranto è stata la Capitale della Magna Grecia e questa presenza storica nella città l'ha resa ricca di tantissimi reperti archeologici e culturali che fanno invidia a qualsiasi altra città.

Pubblicità

Taranto ha un ricchissimo patrimonio artistico e culturale che non viene valorizzato nel modo giusto: il concertone del primo maggio è l'occasione giusta per far conoscere tutto questo a coloro che verranno in città. 

Come arrivare in pullman

Sulla pagina ufficiale Facebook dell'evento sono disponibili una serie di possibilità che permettono di raggiungere in pullman la città di Taranto da diverse regioni, non solo dalla Puglia, ma anche dall'Abruzzo, dalla Calabria, dalla Basilicata e dalla Campania. Per l'occasione è stato messo a disposizione anche un pullman del Gruppo Emergency di Bari: parte del ricavato servirà a finanziare i progetti del gruppo. #Musica #concerti #Cultura Taranto