Giacomo Campo lavorava presso la Steel Service all'#ilva di taranto: è morto in un incidente sul posto di lavoro avvenuto nella zona dell'Altoforno 4. Giacomo Campo aveva 27 anni ed era originario di Roccaforzata in provincia di Taranto.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, l'uomo stava lavorando sul nastro trasportatore per ripristinarlo, quando è rimasto incastrato negli ingranaggi del nastro: la parte finale di un contrappeso avrebbe ceduto facendo precipitare un carrello che ha schiacciato l'operaio. Difficoltose da parte dei soccorsi le operazioni di recupero del cadavere. L'incidente è avvenuto intorno alle ore 6:45 del mattino.

Pubblicità
Pubblicità

I #sindacati annunciano che ormai non bastano le lacrime per piangere gli operai che perdono la vita in fabbrica. I sindacati aggiungono che la morte di Giacomo Campo non è stato un incidente poiché la fabbrica non ha tenuto considerazione delle norme di #sicurezza. Secondo i sindacati si tratta di un omicidio. In seguito all'incidente nel reparto Altoforno 4 i sindacati hanno proclamato uno sciopero dei lavoratori dell'Ilva dalle ore 12 fino alle ore 7 di domenica.

Ma l'Ilva cerca di difendersi dichiarando che sono state applicate correttamente tutte le norme di sicurezza poiché come da procedura il nastro, risultato danneggiato, era stato fermato durante il corso della notte per consentire la riparazione ed è stato privato di energia elettrica.

Arriva subito la condanna di Michele Emiliano, presidente della regione Puglia, che scrive su Facebook: "Incontenibile la rabbia della Puglia" - "Ennesimo grave incidente nel siderurgico tarantino.

Pubblicità

La nostra pazienza è finita e la fabbrica è troppo vecchia e insicura."

Interviene anche Matteo Renzi che attraverso il Viceministro Bellanova sta cercando di capire la dinamica dell'accaduto. Il Viceministro commenta: "Una tragedia" - C'è urgentissima necessità di comprendere come sia potuta accadere questa tragedia e per quali cause il nastro trasportatore abbia ceduto".

Sono attualmente in corso le indagini dei carabinieri per cercare di individuare il responsabile dell'accaduto.