Entro il 31 gennaio bisogna pagare il bollo auto 2014, la tassa di possesso che va pagata da chi sia proprietario di un veicolo iscritto al PRA – Pubblico Registro Automobilistico, di un ciclomotore o di un veicolo storico. Vediamo allora come calcolare il bollo auto, come fare il pagamento e le sanzioni previste in caso di mancato pagamento.

Calcolo bollo auto 2014

Si può calcolare il bollo auto dal sito dell'Agenzia delle Entrate o dell'ACI, per farlo occorre avere la targa del veicolo e la categoria, oltre ovviamente alla Regione di residenza.

Il calcolo del bollo auto on line è possibile anche usando la potenza del veicolo in kilowatt e il livello di emissioni (Euro 0, 1, 2 ecc...) segnati sul libretto di circolazione: conviene usare entrambi i metodi per essere sicuri di non sbagliare.

Dove e come pagare il bollo auto 2014

Il pagamento del bollo auto è possibile presso gli uffici provinciali ACI e le delegazioni ACI, gli uffici postali, i tabaccai autorizzati, le Agenzie pratiche auto autorizzate, in Posta tramite bollettino dove si indica il numero di conto corrente postale della Regione (bollettino precompilato in Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Puglia, Toscana, Umbria, province di Bolzano e Trento).

Si può anche pagare il bollo auto on line o telefono, con la carta di credito, coi servizi Bollonet e Telebollo.

Sempre previste delle commissioni di circa 2 euro.

Sanzioni mancato pagamento bollo auto 2014

Se non si paga il bollo auto e si "fa finta di niente", allora la Regione, in seguito agli accertamenti che vengono fatti sempre, manda l'avviso bonario quindi, in caso di mancato pagamento, l'atto di accertamento con contestuale irrogazione di sanzioni ed interessi.

Se invece il contribuente effettua il cosiddetto ravvedimento operoso e di sua volontà paga, allora c'è come sanzione lo 0,2% al giorno per ogni giorno di ritardo se entro 14 giorni più interessi del 2,5%, il 3% al giorno per ogni giorno di ritardo se entro 30 giorni più interessi del 2,5%, il 3,75% al giorno per ogni giorno di ritardo se entro un anno più interessi del 2,5%.