Il pagamento della Tares 2013-2014 sta causando non pochi problemi ai contribuenti: ecco come pagare la maggiorazione in vista della scadenza ed evitare sanzioni. La tassa sui rifiuti chiamata Tares si avvia a scomparire: si paga a gennaio la terza e ultima rata della tassa che verrà poi sostituita dalla Tari. Ma intanto è caos nei Comuni.

Come pagare la maggiorazione Tares 2013-2014

Per pagare la maggiorazione Tares 2013-2014 bisogna utilizzare i bollettini pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 116 del 20 Maggio, nel caso in cui i comuni non abbiano inviato il relativo bollettino a domicilio. Per pagare la maggiorazione Tares 2013-2014 è anche possibile ricorrere al servizio telematico di Poste Italiane. Per pagare la maggiorazione Tares 2013-2014 si potrà usare il numero di conto corrente "1011136627" valido per tutti i comuni che dovrà essere intestato a "pagamento TARES".

Scadenza Tares 2013-2014

Come per la mini Imu, l'ultima scadenza utile per il pagamento della maggiorazione Tares è quella del 24 gennaio: si pagheranno in media 24 euro a famiglia per un imposta statale che attraverso la maggiorazione di 30 centesimi al metro quadro porterà, a seguito della scadenza della Tares 2013-2014, circa un miliardo di euro nelle casse comunali. Il pagamento della maggiorazione Tares 2013-2014 a Roma tuttavia ha generato il caos a causa di bollettini F24 inviati precompilati in maniera errata: tra quelli che riportavano la scadenza del 16 gennaio, a quelli intestati a cittadini differenti, passando per importi minimi che stanno costringendo i cittadini romani a recarsi agli sportelli per versare talvolta un solo euro.

Sanzioni Tares 2013-2014

Per fortuna a causa di questo marasma, sulla Tares nessuna sanzione è prevista per versamenti insufficienti. Tares senza sanzioni anche in caso in cui il comune non abbia mandato a domicilio il modello di pagamento. Queste le dichiarazioni del ministro che lasciano intendere che non ci saranno sanzioni Tares nemmeno per i bollettini ricevuti in data prossima o successiva alla scadenza.