Fallito il tentativo di inserire un emendamento nel dl terremoto, il #Governo ha fatto sapere che sulla rottamazione cartelle equitalia ci sarà una proroga, scadenza fissata secondo le ultime indiscrezioni al 21 aprile. I contribuenti interessati dalla rottamazione avranno quindi tre settimane di tempo in più per presentare domanda. L'onorevole Ginato del partito democratico aveva cercato in inserire un emendamento all'interno del decreto legge terremoto per una proroga di tre settimane, ma la richiesta è stata giudicata inammissibile per la diversità delle problematiche. Infatti il dl terremoto agevola i terremotati dinanzi al fisco allungando le scadenze fiscali, la questione rottamazione è ben diversa.

Pubblicità
Pubblicità

Vediamo le ultime notizie a oggi.

Proroga rottamazione cartelle Equitalia, le ultime notizie

Dopo la bocciatura dell'emendamento Ginato, il governo ha fatto sapere che interverrà nei prossimi giorni sulla faccenda attraverso un decreto legge per la proroga scadenza al 21 aprile delle cartelle. Dal Ministero dell'economia fanno sapere che la proroga riguarda anche altri enti che hanno aderito alla rottamazione senza affidarsi ad equitalia per la riscossione. Quindi gli interessati avranno tre settimane di tempo in più per fare richiesta di adesione alla cosiddetta: 'definizione agevolata cartelle equitalia'.

Sibilia (M5S): il durc, ecco cos'è

L'onorevole Sibilia del #movimento 5 stelle aveva richiesto l'inserimento nel decreto il rilascio di un durc provvisorio a tutte le imprese aderenti alla rottamazione.

Pubblicità

Secondo le ultime indiscrezioni sembra che il governo abbia intenzione di inserirlo all'interno del prossimo decreto legge sulla questione. Per durc si intende documento unico regolarità contributiva, un certificato che attesta i pagamenti regolari di un'azienda in campo previdenziale, assistenziale e assicurativo.

Per seguire le ultime novità sulla rottamazione cartelle equitalia e sulla proroga della scadenza clicca 'Segui' in alto, se vuoi commentare usa il riquadro social in basso. #tasse