Il 21 aprile è scaduta la domanda per l'ammissione alla rottamazione delle cartelle #Equitalia. Tutti coloro che hanno deciso di presentare la domanda di chiusura dei debiti per il periodo che va dal 2000 al 2016 ha ora la possibilità di risparmiare in termini di sanzioni e interessi. Si chiede però una nuova proroga e Confedercontribuenti si fa portavoce della richiesta. Vediamo tutti i dettagli che sono emersi al riguardo.

Sarà possibile una nuova proroga per la rottamazione delle cartelle Equitalia?

Dopo la richiesta, i contribuenti dovranno attendere risposta da Equitalia. Questa avrà a disposizione diverso tempo per rispondere.

Pubblicità
Pubblicità

In particolare entro il 15 giugno dovrà inviare una raccomandata oppure una e-mail via pec in cui specifica il totale da pagare e in cui dovrà fornire i bollettini da pagare con le relative scadenze. La rateizzazione dei debiti potrà prevedere un numero massimo di cinque rate e la scadenza sarà luglio 2017. Sono in molti però che chiedono una nuova proroga per la rottamazione delle cartelle Equitalia. A farsi portavoce della richiesta è Confedercontribuenti la quale sottolinea che molti sono interessati alla richiesta ma che sono stati scoraggiati dal presentare domanda per diversi dubbi. Uno di questi è la compensazione dei crediti certificati Mef. Si pensa anche ad una nuova proroga perché la trasmissione dei dati ha causato anche diversi problemi. Sono diversi i professionisti che per tale motivo avallano la richiesta di una nuova scadenza. Da parte dell'agenzia di riscossione arrivano delle giustificazioni.

Pubblicità

Equitalia infatti afferma che non c'è stato nessun problema tecnico ma si è trattato soltanto di linee 'intasate' per la presenza di molte richieste, considerando anche che la scadenza era ormai alle porte.

Inoltre ad avanzare la richiesta di un rinvio delle scadenze è anche Maurizio Bernardo, presidente della commissione finanze alla Camera. Tra i primi a fare richiesta è l'Ungdcec che già il 18 aprile, con un comunicato, aveva chiesto di rivedere la data della scadenza. Una delle motivazioni risiede nel ritardo che Equitalia ha avuto nell'adottare un sistema di facilitazione delle adesioni per la rottamazione delle cartelle. Molti commercialisti infatti hanno riscontrato difficoltà con il canale EquiPro. Al momento però nessuna proroga è stata ufficializzata. Le richieste restano tante e si attende che Equitalia riapra la possibilità di fare richiesta.