Il #5G Italia diventa realtà: lo ha comunicato il Ministero dello Sviluppo economico che, attraverso il proprio portale istituzionale, ha diramato nella giornata di giovedì 16 marzo 2017 una nota con la quale si informa che è ufficialmente partito il processo di sperimentazione del 5G in Italia. Al momento, proprio in virtù del carattere sperimentale, interesserà soltanto cinque città: Matera, Bari, L'Aquila, Prato e l'area metropolitana di Milano. In sostanza si può confermare che anche nel nostro paese è partito il percorso che permetterà di dotare l'Italia di una tecnologia per reti mobili di quinta generazione.

Velocità 5G, l'innovazione della tecnologia

Quando si parla di 5G non bisogna commettere l'errore di pensare che si tratti soltanto di una evoluzione del 4G.

Pubblicità
Pubblicità

Rappresenta infatti una vera e propria piattaforma che apre un mondo completamente innovativo in termini di opportunità di sviluppo. La nuova tecnologia infatti rappresenterà, per i telefoni 5G, un'innovazione soprattutto nei termini dei servizi siano essi attinenti alla sfera privata dei singoli cittadini che al mondo delle imprese. Anche la velocità 5G si pone in piena discontinuità con il passato: si presenta infatti con enormi potenzialità in merito ai servizi che potranno essere sviluppati.

5G Italia in cinque città

La Commissione europea, attraverso il proprio Action Plan per il 5G, ha fornito delle direttive agli stati membri: entro il 2018 dovrà essere individuata almeno una città in cui avviare la sperimentazione. In Italia è stato fatto di più e il Ministero dello Sviluppo economico ha accettato la sfida: cinque città in cui mettere a disposizione le frequenze.

Pubblicità

La scelta delle città è dipesa da criteri inerenti alla distribuzione geografica e alla capillarità di connettività ultraveloce ma nel caso di Matera e L'Aquila le motivazioni affondano le proprie radici in ragioni diverse. Matera sarà capitale europea 2019 mentre L'Aquila è stata coinvolta per via dei processi di ricostruzione post sisma. Adesso la palla passa agli operatori interessati per capire in termini e in che tempi può iniziare la scommessa mirata a sperimentare la rete 5G. Per questi motivi lo stesso Ministero ha pubblicato un bando per la presentazione di progetti che verranno valutato sia per la parte infrastrutturale che per quella servizi oggetto di sperimentazione. Il termine di presentazione delle domande è fissato al 15 maggio 2017, mentre a luglio saranno selezionati i progetti che poi partiranno entro la fine del 2017. Dal nuovo anno l'#iphone 5G non sarà soltanto una chimera. #internet