Che cos'è un "#wormhole" ( o buco di verme )? Secondo una definizione degli anni '30 di Einstein-Rosen, si tratterebbe di un cunicolo spazio-temporale che permetterebbe di viaggiare velocemente da un punto all'altro dell'universo. In pratica, renderebbe possibile effettuare il teletrasporto, tanto famoso nei film di fantascienza.

Studio e realizzazione del prototipo

Secondo quanto sostengono gli scienziati dell'Università Federico II di #Napoli, questi cunicoli non sarebbero più tanto "fantastici", ma addirittura potranno essere, d'ora in poi, costruiti in laboratorio. Il coordinatore del progetto nonché del gruppo di ricerca, il fisico Salvatore Capozziello, hanno, infatti, realizzato il primo #prototipo su scala. Partendo dall'ipotesi che lo spazio tempo sia "bucato", costruendo un passaggio tra questi buchi, si potrebbe sia passare da una zona all'altra dell'universo, sia creare un collegamento tra universi paralleli. Bisognerà, ovviamente, effettuare degli esperimenti per dimostrare tale teoria.

Un cambiamento epocale

Il prototipo è stato realizzato collegando due foglietti di grafene (il materiale più sottile esistente al mondo) con legami molecolari e un nanotubo. L'ambiente all'interno del tubo è neutro perché nulla entra e nulla esce da esso. Appena si interviene esternamente generando dei difetti, si vengono a creare delle correnti sia in ingresso che in uscita. Questo esperimento, osservato da un punto di vista macroscopico, fa ipotizzare diversi scenari e molteplici applicazioni. Si potrebbero, infatti, creare delle strutture più grandi per trasmettere segnali molto precisi a livello atomico. Ad esempio, attraverso la costruzione di nanostrutture, si potrebbero trasmettere segnali istantaneamente perché la corrente elettrica passerebbe nel vuoto. Una rivoluzione scientifica nonché un cambiamento epocale che trasformerà ciò che guardavamo come un impossibile futuro attraverso scene cinematografiche, in una realtà tangibile che ci permetterà di ampliare i nostri orizzonti e guardare al futuro con occhi diversi.