Dopo le numerose campagne di raccolta fondi a scopo benefico o destinare al settore terziario (o no-profit ) delle ONG, nasce una nuova forma di crowdfunding sociale su #facebook: piccole collette per finanziare esigenze individuali.

Pubblicità

Le collette diventano 'social'

Facebook darà infatti la possibilità di poter richiedere piccole somme tramite la piattaforma a tutti i propri "amici" per finanziare piccoli progetti, o necessità primarie per le quali non si hanno a disposizione le risorse e riguarderanno ambiti precisi e definiti. Esempi di cause finanziabili saranno: salute, istruzione, necessità imminenti o in situazioni di emergenza e, addirittura, perdita di congiunti..

Pubblicità

Sarà, quindi, possibile poter aiutare qualcuno o farsi aiutare per pagare le spese mediche specialistiche o per l'acquisto di farmaci specifici, per pagare l'acquisto di libri o materiale scolastico per i figli, sostenere chi ha subito calamità naturali, disastri dovuti a eventi metereologici, furti in casa o dell'auto, e in caso di un decesso per sostenere i costi elevati del funerale.

Il lancio di questa nuova iniziativa di Facebook partirà ufficialmente nei prossimi giorni negli USA per poi diffondersi sulla piattaforma a livello globale.

Le collette avverranno tramite transazioni controllate e in completa sicurezza e su di esse verrà applicata una tassazione pari al 6,9%. Il denaro trattenuto sulle commissioni servirà solo a sostenere i costi della piattaforma e non saranno in alcun modo fonte di profitto da parte di Facebook..

Pubblicità

Una nuova frontiera della raccolta fondi che renderà possibile a chiunque ne abbia necessità di poter richiedere aiuto economico diretto e tangibile ai propri contatti che saranno veri e propri finanziatori di bisogni reali che potranno in qualsiasi momento seguire.

In un momento storico in cui più che mai bisogna trovare soluzioni semplici a problematiche complesse, la tecnologia viene in aiuto in maniera altrettanto semplice mettendo in gioco pochi fattori e attori: gli amici sui social. #socialcrowdfunding #collettesociali