Dopo aver assistito al successo commerciale senza precedenti del #Nintendo Classic NES Mini, l'azienda di Super Mario segue la scia delle vendite e annuncia ufficialmente l'uscita di SNES Mini. Anche stavolta assisteremo a una forte speculazione da parte dei collezionisti? Ecco tutti i dettagli.

Il fenomeno delle vendite

Il remake della storica console Nintendo NES arriva nei negozi lo scorso 11 novembre, con un prezzo consigliato di 59,99 euro e una serie di caratteristiche che fanno la gioia degli appassionati di #Videogiochi: una perfetta riproduzione in miniatura della console originale, 30 giochi pre-caricati tra cui Pac-Man, Super Mario Bros e Castlevania, un mini pad e infine la piena compatibilità con gli standard HD delle televisioni odierne.

Pubblicità
Pubblicità

Tutto bello quindi? Niente affatto, perché per i fan di Super Mario reperire la console diventa un incubo fatto da lunghe attese e forti speculazioni da chi è riuscito ad accaparrarsela. Ancora oggi, il Nintendo Mini NES viene venduto nei portali di vendita online (come Ebay e Amazon) a circa tre volte tanto il suo prezzo originale.

Nintendo non scende dal cavallo vincente

Con un successo insperato, Nintendo si rimette a lavoro, non produce nuove unità del Mini NES per fronteggiare la richiesta, ma sviluppa il suo naturale successore: il Nintendo Classic SNES Mini. La nuova (piccola) console della casa di Kyoto è stata annunciata a sorpresa nelle scorse ore e i fan sono già in delirio per quello che il nuovo prodotto potrà offrire. Stavolta si parla di 21 giochi (9 in meno rispetto al predecessore), ma la lista includerà perfino un titolo inedito, ovvero Star Fox 2.

Pubblicità

Tornano le dimensioni ridotte, ben due pad per sfruttare il multiplayer di alcuni giochi pre-caricati, grandi classici come Contra III The Alien Wars, Donkey Kong Country™, Final Fantasy III, Street Fighter® II Turbo: Hyper Fighting e una serie di titoli immancabili dedicati a Super Mario. Purtroppo insieme alle caratteristiche ghiotte per gli appassionati, tornano anche alcuni elementi che fanno storcere un po' il naso: non ci sarà la possibilità di caricare ulteriori giochi all'interno dell'unità, non ci sarà un alimentatore all'interno della confezione (occorre acquistarlo separatamente) e anche stavolta le scorte saranno limitate nella quantità e nel tempo. Il prezzo ufficiale è stato fissato a 79,99 dollari e la console arriverà nei nostri scaffali il 29 settembre. #Videogame