"Gli scienziati hanno scoperto come fare per risvegliare una persona posta viva in #ibernazione artificiale".

Come notizia appare senz'altro come una clamorosa prima pagina da parte di tutti i giornali di scienza e non solo. Significherebbe una svolta decisiva nel campo della medicina moderna e del nostro futuro. Tuttavia, riflettendoci, sarebbe possibile riuscirci realmente nel 2017? Purtroppo come risposta si ha un no categorico.

L'argomento dell'ibernazione risulta ancora molto spinoso per i ricercatori di oggi, i quali stanno tentando di venirne a capo da diversi anni. i problemi sono ancora molti e le soluzioni troppo poche per poter essere testate sugli esseri umani vivi.

Pubblicità
Pubblicità

Eppure sparsi per il mondo, esistono diversi centri dedicati proprio alla conservazione dei corpi tramite #ibernazione. Allora non è vero che questa tecnologia non esiste?

Niente affatto, proprio per questo è importante fare una precisazione: l'ibernazione artificiale esiste già oggi, ma è ben diversa dal tanto celebre "congelamento del corpo" dei film di fantascienza.

Ibernazione Oggi

I limiti scientifici e tecnologici di oggi non permettono al mondo di raggiungere lo stato di congelamento di una persona in vita. Non ancora.

Molte specie di animali posseggono questo talento fin dalla nascita. E non si tratta di un dono divino, ma di un complesso istinto di sopravvivenza davanti alle difficoltà della natura. Nel momento in cui la differenza tra energia consumata ed energia assimilata è negativa, il cervello dell'animale comincia a correre ai ripari.

Pubblicità

Perciò, davanti a questa situazione il corpo si predispone per una situazione di "coma assistito". In questo lasso di tempo le funzioni fisiologiche verranno ridotte al minimo indispensabile e l'attività cerebrale si riduce drasticamente. Grazie a queste mosse, la vita potrà proseguire lungo il suo percorso senza intoppi d'oltretomba.

Questa è l'ibernazione artificiale dei film fantascientifici. Ed è la stessa rincorsa dagli uomini di scienza speranzosi di riuscire a riprodurla un giorno.

La resurrezione sarà possibile?

Ad oggi si può richiedere di venire ibernati, ma la domanda verrà accettata esclusivamente dopo la propria morte, causata da una malattia e non dal numero degli anni.

La Cryonics Institute o l'Alcor Foundation sono due tra le società più importanti al mondo in questo campo. Il loro compito è quello di prendere il corpo del defunto cliente nel tempo in cui la fase cerebrale risulta ancora attiva. In questo modo, salvaguardando il corpo e mantenendo in vita la mente, in un futuro forse sarà possibile far "resuscitare" queste persone, in base ai progressi della medicina nella cura di malattie.

Pubblicità

In realtà, il compito è quello di non farle morire del tutto, conservando l'attività cerebrale.

Potrebbe sembrare follia conservare dei cadaveri nei frigoriferi di una ditta. Eppure, una quattordicenne londinese malata di #cancro ha lottato per questo posto, per conquistarlo. Forse qualcuno ci ha visto lungo sui progetti tecnologici. #malattie e cancro