Pubblicità
Pubblicità

La maggioranza delle persone che possiedono uno smartphone teme che qualcuno possa accedere di nascosto al loro telefono per spiare le attività svolte con esso, ed in primo luogo leggere le conversazioni private svolte con app di messaggistica istantanea come WhatsApp [VIDEO], la più popolare al mondo. Per fortuna chi intende salvaguardare la propria privacy e nascondere le proprie chat da eventuali intrusioni ha a disposizione diversi strumenti che consentono di farlo. Si tratta di alcune app da scaricare oppure mediante apposite impostazioni del telefono. Vediamo come fare.

Impostare una password tramite le funzioni del telefono

Gli smartphone con sistema Android oltre a consentire l'inserimento di una password richiesta per sbloccare lo schermo del telefono rendono possibile anche la protezione di specifiche App, bloccando l'accesso a chi non conosce il codice di sicurezza.

Pubblicità

I telefoni più moderni consentono anche la protezione tramite impronta digitale del proprietario. Per attivare è funzione è sufficiente scegliere il menù "gestione telefono" o "impostazioni telefono", accedere alle impostazioni circa la sicurezza del dispositivo e selezionare "Blocco App". Una volta scelta la app - o più di una - da proteggere, sarà sufficiente impostare la password, che sarà richiesta tutte le volte che desiderate accedere all'app in questione.

Proteggersi utilizzando le App

In alternativa alle impostazioni del telefono è possibile proteggersi anche mediante alcune piccole app da scaricare, che offrono maggiori funzionalità. Una molto efficace è ChatLock+, disponibile sul #play store cercando "Messenger e chat blocco". Leggera e totalmente gratuita e priva di inserzioni pubblicitarie, l'app permette di proteggere facilmente con password l'accesso a #Whatsapp e altre popolari app, come Facebook e Messenger.

Pubblicità

L'utente accedendo alla app - protetta a sua volta da password - può facilmente definire a quali applicazioni restringere con password l'accesso. Consente di modificare il tempo di auto blocco di WhatsApp e nel caso che qualcuno provi ad immettere il codice di sblocco, viene scattata una foto. In questo modo potrete vedere chi ha tentato di accedervi.

Un'altra app valida ed efficace è Norton Applock, che in modo simile all'utility precedente consente di impostare un pin o una sequenza per consentire l'apertura di qualsiasi app presente nel telefono che intendete bloccare. Oltre a queste due applicazioni all'interno del Play Store o dell'App Store ce ne sono numerose altrettanto valide che permettono le stesse funzioni. Chi intende proteggere le proprie conversazioni adesso sa come fare.