Pubblicità
Pubblicità

#Apple e #Netflix sono due colossi che si diversificano per il campo in cui lavorano. Come molti lettori già sapranno, Apple produce smartphone e al pari della Samsung si gioca il primo posto nel mondo delle vendite di smartphone. Netflix, dal suo canto è la regina delle piattaforme a pagamento dedicate alle serie TV in streaming. Secondo due analisti della Citigroup, Jim Suva e Asiya Merchant, la Casa della mela morsicata [VIDEO] sarebbe interessata all'acquisizione del colosso dello streaming. Potrebbe sembrare un racconto di fantascienza, ma guardando le scelte economiche e strategiche, quanto è stato ipotizzato potrebbe avere delle fondamenta di verità.

Pubblicità

Apple compra Netflix? Perché conviene?

I due analisti, essendo dipendenti di una banca, ovviamente hanno analizzato la convenienza dal punto di vista economico. Apple ha a disposizione un fondo superiore ai 250 miliardi di dollari e tale cifra ha fatto ipotizzare anche ad altri analisti tale soluzione di marketing. Netflix, ha un capitale pari a 83 miliardi di dollari, ma il valore nominale della società è molto superiore alla cifra indicata. Dunque sulla carta, per la Apple converrebbe investire su Netflix.

Tuttavia c'è da considerare che bisogna analizzare meglio i fondi raggiunti dalla casa di Cupertino [VIDEO]. I dati pubblicati alla fine del 2017, hanno dimostrato ancora una volta che sono gli iPhone a incidere con grande maggioranza sulle vendite dell'azienda, mentre gli altri settori hanno influenzato con un po' meno di incidenza.

Pubblicità

Ricordiamo che Apple, gestisce servizi come lo Store, iTunes, Apple Pay, Apple Care e altro ancora e per la prima volta i dati registrati parlano di 8 miliardi e mezzo di dollari derivanti da tali servizi. Ciò dimostra come la società americana sia interessata e abbia iniziato a variare un il tipo di business.

Sono, comunque, 250 miliardi e anche se ha avuto successo il settore della telefonia con maggior percentuale, comunque i fondi raccolti danno la possibilità a Apple di muoversi un po' come vuole. Magari, proprio per la voglia di diversificare, Apple può essere interessata ad ampliare il settore dell'intrattenimento acquisendo un colosso specializzato negli streaming.

Ciò che può far incidere sulla scelta della società è anche la nuova legge fiscale proposta da Trump, per una riduzione delle tasse da pagare in relazione ai profitti ottenuti al di fuori dell'America. Se la legge passasse, Apple potrebbe risparmiare 47 miliardi di dollari di tasse all'anno e ciò permetterebbe la società di incorporare a sé più marchi ancora.