Addio roaming, addio costi aggiuntivi. All'estero come a casa propria varrà l'offerta attiva sul cellulare senza dover spendere altro denaro. Ma attenzione! La vera e propria rivoluzione dei #cellulari messa in atto dagli operatori della Commissione dell'#Unione Europea per favorire la realizzazione di un mercato digitale unico e continentale inizierà il prossimo giovedì 15 Giugno e sarà valida soltanto per i viaggi occasionali.

Commissione Unione Europea cambia tutto

La battaglia portata avanti da dieci anni dall'Unione Europea contro le tariffe applicate all'estero dai gestori telefonici è finalmente terminata. L'accordo era stato raggiunto lo scorso 31 gennaio, ma soltanto da questo giovedì 15 Giugno sarà effettivo.

Pubblicità
Pubblicità

La vera e propria rivoluzione dei cellulari consisterà nell'utilizzare la propria offerta nazionale senza costi aggiuntivi.

Le chiamate, i messaggi e #internet, quindi, avranno lo stesso prezzo dell'offerta attiva nel proprio paese, senza ulteriori costi aggiuntivi. Nello specifico, saranno pagati 3.2 centesimi al minuto per le telefonate, 1 centesimo per ogni sms e ci sarà una riduzione progressiva del prezzo della navigazione di internet che arriverà ai 2,5 euro per GB dal 1° gennaio 2022. Sicuramente un bel passo avanti.

Vietati gli abusi

La nuova tariffa base per tutti sarà valida per i ventotto paesi dell'Unione Europea più Islanda, Lichtenstein e Norvegia. Ogni operatore telefonico dovrà adeguarsi alla nuova normativa. L'unico limite imposto per contrastare gli eventuali abusi riguarda la durata dei viaggi.

Pubblicità

La rivoluzione dei costi di utilizzo del cellulare all'estero, infatti, è stata fatta a misura dei viaggiatori occasionali. Ogni operatore dovrà fare un monitoraggio su periodi di quattro mesi di effettiva permanenza all'estero.

Non sono considerate nel conteggio le chiamate fatte dal proprio stato all'estero. Il cliente che supererà i due mesi di permanenza all'estero sarà contattato direttamente dall'operatore per avere delle spiegazioni. Il cliente dovrà rispondere entro due settimane. L'operatore telefonico potrà applicargli prezzi maggiorati, denominati per questo motivo all' 'ingrosso', nel caso in cui si rifiutasse di fornire delucidazioni o decidesse di continuare ad utilizzare la tariffa agevolata all'estero. Per aggiornamenti su notizie riguardanti tariffe e telefonia, cliccate Segui.